Wellness

8 miti da sfatare sulla dieta: ecco che cosa non fa dimagrire secondo l’Iss

Condividi condividi
Pubblicato il 16/01/2023
Di Team Digital
8 miti da sfatare sulla dieta: ecco che cosa non fa dimagrire secondo l


Per passaparola oppure online, sentiamo e leggiamo di tanti metodi, trucchi e consigli per perdere peso. Purtroppo, però, alcuni di questi sono soltanto dei miti e non hanno alcuna valenza scientifica e non soltanto non aiutano a perdere peso ma possono anche essere dannosi per il nostro corpo. Sono credenze che sono state sfatate dall’Istituto Superiore di Sanità per far sì che le persone non le seguano e che, nel caso in cui necessitino di perdere peso o di essere seguiti nella dieta, si rivolgano ad uno/a specialista.


Dall’ananas che brucia i grassi, all’acqua che aiuta a dimagrire, vediamo gli 8 errori più comuni che le persone fanno nel seguire una dieta.


8 miti da sfatare sulla dieta: gli errori più comuni


Soprattutto nei periodi che seguono le festività le persone sono spinte a mettersi a dieta, ma non sempre seguono le giuste fonti informative e cadono in errori molto comuni. Vediamoli insieme:


  1. L’ananas brucia i grassi. No, l’ananas non brucia i grassi. È un frutto contenente molta acqua e ha diverse proprietà nutrizionale, ma come spiega l’Iss non è un alimento magico che brucia i grassi per noi e la credenza “deriva dal fatto che l’ananas contiene una sostanza, chiamata bromelina, in grado di rompere le molecole proteiche (attività proteolitica) degli alimenti rendendole più digeribili, ma che non ha alcuna attività sui grassi”.
  2. No ai carboidrati a cena. Anche questo mito viene sfatato dall’Iss, non conta infatti se si mangiano o meno i carboidrati, ma quanti se ne mangiano. “La convinzione che i carboidrati debbano essere esclusi dalla dieta, o che sia meglio assumerli durante il giorno e non la sera, è priva di fondamento. È bene sottolineare che il consumo energetico durante il sonno non è poi così diverso da quello di un’attività mattiniera sedentaria, come lo stare seduti ad una scrivania davanti a un computer” chiarisce l’Istituto.
  3. Bere molta acqua fa dimagrire. Anche questo è un falso mito che va sfatato. Come spiega l’Iss l’unica quantità giusta di acqua da bere è quella richiesta dal nostro organismo. Berne molta o poca può essere ugualmente dannoso: “[Un’alta assunzione di acqua] Può determinare la diluizione degli elettroliti nel sangue, specialmente il sodio e il potassio, che hanno una funzione essenziale nel bilancio dei liquidi tra l’interno e l’esterno delle cellule”.
  4. La dieta va scelta in base al gruppo sanguigno. In voga oggi vi è la dieta cosiddetta “emodieta”, ovvero quella che viene definita in base al proprio gruppo sanguigno. Come spiega l’Istituto, l’emodieta, “non ha alcuna base scientifica, e nessuno studio condotto a favore della emodieta ha dato risultati che ne dimostrino l’efficacia”.
  5. No all’acqua durante i pasti. “L’abitudine di non bere durante i pasti, ma di bere solo prima, non ha di per sé alcun effetto dimagrante, ma favorisce semplicemente il senso di sazietà, portando a ridurre la quantità di cibo nel pasto”, sottolinea l’Iss.
  6. Mai saltare i pasti. Un’altra dieta in voga è quella intermittente nella quale è previsto il saltare alcuni pasti. Anche questa viene sconsigliata dall’Iss: “Si crede che privando l’organismo di calorie e nutrienti durante la giornata si avrà una riduzione della massa grassa. In realtà quello che accade è l’opposto: il corpo, privato di cibo, va in allerta e rallenta il dimagrimento”.
  7. La frutta non va mangiata a fine pasto. Anche questo mito è molto diffuso, ma prontamente sfatato: “Non ci sono studi scientifici o linee guida che sconsigliano di mangiare la frutta dopo i pasti”. Spiega l’Iss.
  8. Le diete rapide. Ci sono diverse diete che promettono risultato grandiosi nel breve periodo, non funziona così. Anzi, come spiega l’Iss, la conseguenza di una dieta rapida è il rallentamento del metabolismo e la conseguente ripresa di peso in tempi rapidi. “Al contrario di quanto si crede comunemente, non è la massa grassa a diminuire con diete molto drastiche, poiché l’organismo percependo il nuovo regime alimentare come digiuno, tende a conservare il tessuto adiposo che rappresenta la sua riserva energetica”.


Per concludere, come raccomanda l’Istituto Superiore di Sanità: “Quello che bisogna fare, se si vuole dimagrire in modo sano, è rivolgersi a un medico il quale, sulla base delle caratteristiche individuali, stabilisce un regime dietetico che garantisce una perdita di peso graduale assicurando tutti i nutrienti di cui l’organismo ha bisogno per essere in salute”.


Se ti interessano altri contenuti sul tema del benessere mentale e fisico leggi anche:


  1. Tutti i benefici dello zenzero”.
  2. Ecco quanti passi fare al giorno per sentirsi bene e in forma”.
  3. Cronobiologia: meglio allenarsi la mattina o alla sera?
  4. Meno tempo in palestra con stessi risultati: lo studio”.
  5. 4 benefici dell’allenamento sul nostro cervello”.
  6. Correre in autunno e in inverno: consigli utili”.


Foto: Thought Catalog Unsplash


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI