Green

Stai differenziando i rifiuti correttamente? Ecco i 5 errori da non fare

Condividi condividi
Pubblicato il 02/12/2022
Di Team Digital
Stai differenziando i rifiuti correttamente? Ecco i 5 errori da non fare


Ognuno di noi nel suo piccolo può dare un contributo notevole nella salvaguardia del nostro Pianeta e uno dei modi per farlo è quello di imparare a differenziare nella maniera corretta. Non è sempre facile, abbiamo sottomano una miriade di rifiuti sempre diversi tra loro e non è mai così scontato sapere dove vanno buttati, spesso quindi si cade in errore. Per questo abbiamo stilato una mini lista degli errori più comuni che compromettono la nostra raccolta differenziata, vediamoli insieme.


5 errori più comuni nella raccolta differenziata


Facciamo prima un passo indietro, differenziare non significa riciclare. È importante conoscere l’esatto significato dei due termini, perché differenziare significa saper esattamente dove buttare un rifiuto, riciclare significa potergli dare una nuova vita. Qui parleremo di raccolta differenziata e degli errori in cui si intercorre più spesso.


  1. Non dare nulla per scontato. La prima regola è quella di dare sempre uno sguardo alle etichette, a volte un prodotto ci sembra palesemente fatto, ad esempio, con la carta per poi leggere in etichetta che non lo è. Uno sguardo in più alle etichette e alle diverse spiegazioni può condurci a differenziare senza errori.
  2. Laviamo la spazzatura. Per favorire il corretto riciclo ricordiamoci di pulire la spazzatura, ma non facciamolo con acqua se possibile, utilizziamo ad esempio il tovagliolo o il foglio di scottex che abbiamo utilizzato per pranzo o cena, così da non fare ulteriori sprechi.
  3. Differenziamo volta per volta. Avere diversi bidoncini faciliterà la differenziazione dei rifiuti, averne uno soltanto dal quale poi differenziare disincentiverà la raccolta differenziata perché non vorremmo mai rimettervi le mani per smistare i rifiuti. Tanti bidoncini quanti i materiali agevoleranno la corretta differenziazione: uno per la plastica, per la carta, il vetro, l’umido e l’indifferenziata ed il gioco è fatto.
  4. Attenzione alle diverse plastiche. Sì, la plastica è quella più difficile da differenziare, questo perché ci sono ben 7 simboli diversi ed ognuno di questi ne indica il tipo e di conseguenza il possibile riciclaggio. In questo articolo abbiamo spiegato le differenze tra PET, PVC e tutti gli altri tipi di plastiche.
  5. Preferisci i prodotti riutilizzabili. Questo non è un vero e proprio errore ma un consiglio per proteggere l’ambiente. Prediligere quei prodotti che sono durevoli nel tempo ridurrà nettamente i nostri rifiuti e favorirà la protezione degli ecosistemi e ci porterà anche a risparmiare. Abbiamo stilato una lista di prodotti riutilizzabili ed eco-friendly, perfetti anche da regalare.


Potrebbero interessarti anche questi articoli a tema green:


  1. Come ridurre il nostro spreco alimentare (e risparmiare): 7 semplici regole d’oro
  2. Sempre più sostenibili: 1 italiano su 2 spenderebbe di più per un prodotto green


Foto: Sigmund Unsplash


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI