icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Guardare 'Friends' fa passare l'ansia, lo dice questo studio

La sitcom americana ha i requisiti giusti per combattere alcuni lievi disturbi legati all’ansia

Nonostante siano passati più di quindici anni dall’ultima puntata, “Friends” è ancora oggi è una delle sitcom più amate dal grande pubblico. Molti fan continuano ad appassionarsi alle vicende di Rachel, Monica, Joey, Phoebe, Ross e Chandler, organizzando lunghe maratone in streaming o seguendo le rimpatriate organizzate dai membri del cast.

Qual è il segreto del successo di Friends? Lo psicologo londinese Marc Hekster ha provato a dare una risposta più accurata. Ha analizzato i benefici che una persona potrebbe avere se guarda regolarmente una serie tv, giungendo alla conclusione che potrebbe essere utile nel combattere i disturbi più lievi legati all’ansia.

Nel suo studio non si è limitato a considerare “Friends” ma, dopo aver preso molte sitcom in esame, ha capito che poteva essere un ottimo esempio, insieme a "The Big Bang Theory", per argomentare la sua tesi. Dopo aver lavorato per più di vent’anni con soggetti affetti da ansia, il professore è arrivato a sostenere che "la natura ripetitiva e relazionale di programmi come Friends può aiutare realmente chi li guarda”.

Guardare questi episodi con una certa regolarità può avere su di noi un effetto rassicurante e trasmetterci una visione della vita più leggera e spensierata. “Guardare Friends, o alte serie simili, offre una sorta di esperienza di riparazione” – ha spiegato lo psicologo - “Vedere personaggi anche preoccupati per qualcosa, ma che risolvono il tutto con tanta ironia, nel contesto di altre relazioni nella loro vita, può aiutare”.

Hekster ci ha tenuto a ribadire, però, che anche l’affezione per una serie tv può trasformarsi in una dipendenza, con il rischio che si inizi a confondere le storie raccontate in tv con quelle reali. “La vita non può essere così” – conclude Marc Hekster - “Il rischio è che ci si affidi totalmente a questa versione idealizzata del mondo e ci si abbandoni a questo standard altamente irrealistico, credendo che i problemi di tutti i giorni si possano risolvere come quelli di Phoebe o di Joey”.

Insomma, non bisogna esagerare. Ma se cercate un momento di leggerezza che vi faccia staccare la spina per una ventina di minuti al giorno, fate “un salto” al Central perk. Vi sentirete subito meglio.

Foto: Facebook

Pubblicato 25.06.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Serie TV

"La casa di carta": svelata la data d'uscita della quarta stagione

rds_community_login

Serie TV

Suburra: al via le riprese della terza e ultima stagione

rds_community_login

Serie TV

Vikings: arriva la sesta e ultima stagione che chiude la serie TV

rds_community_login

Serie TV

“Downton Abbey”: ecco il ricettario per cucinare i piatti della serie tv

rds_community_login

Serie TV

'La Casa di Carta': in arrivo uno spin-off su uno dei personaggi della serie tv

rds_community_login

Serie TV

Chi è la supplente de 'Il Collegio 4'? La professoressa conquista tutti i collegiali

rolling
×