icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
RDS aiuta l'apicoltura con le sue api per contrastare la crisi del miele

La nostra radio nell'agosto del 2020 ha intrapreso un progetto di salvaguardia delle api

RDS continua il suo impegno per sostenere l'apicoltura soprattutto in questo ultimo anno in cui il settore ha fatto registrare importanti perdite in termini di produzione. Un tema molto sensibile su cui RDS ha rivolto una particolare attenzione da diverso tempo: tra il 2020 e il 2021 infatti la radio ha inaugurato un progetto con l'installazione di arnie aziendali con l'intenzione di tutelare le api, ospitando negli spazi della sua sede centrale oltre 300 mila api.

Crisi del miele: cosa succede?


I numeri parlano molto chiaro, l'ultimo anno è stato il peggiore di sempre, in alcune delle regioni più proficue d'Italia Toscana ed Emilia si è registrato un crollo della produzione di miele pari al 95%, in Lombardia ci sono stati circa 30 milioni di euro in meno di profitti, mentre in Sicilia e in Puglia la produzione è ai minimi storici. Un dato esemplare: in questa stagione un alveare di miele di acacia produceva mediamente 20 kg di miele, oggi siamo tra i 500 grammi e il chilo.

Un’analisi su dati Istat del primo semestre 2021 della Federazione Apicoltori Italiani (FAI) aderente a Confagricoltura conferma «l’andamento su base annua del 2020, con l’import in calo nell’ultimo triennio e il miele straniero transitato alle nostre dogane ridotto da 27.874.961 a 22.303.640 kg (meno 20 per cento)».

Sempre secondo Fai, «l’85 per cento del miele acquistato da operatori commerciali e confezionatori italiani risulta di provenienza europea (UE a 27 Stati membri), ma non è detto che sia stato anche prodotto nei Paesi dichiarati d’origine. Metà di quello che mangiamo è miele che proviene dall’Ungheria, che si consolida come nostro primo partner commerciale».

Qual è la causa della crisi?


Calo della produzione, variazioni dei cicli di lavorazione e ingenti perdite economiche hanno tutti un elemento in comune: il cambiamento climatico. La crisi climatica che sta colpendo tutto l'ecosistema continua ad essere il nemico numero uno anche per il mondo dell'apicoltura: fauna e flora sono i primi a pagarne le conseguenze.

Le api di RDS: i progressi del progetto aziendale


1 / 7
2 / 7
3 / 7
4 / 7
5 / 7
6 / 7
7 / 7

RDS è consapevole degli enormi cambiamenti in corso e per far fronte alla crisi climatica ha inaugurato una serie di progetti sfondo green, con la chiara intenzione di salvaguardare l'ecosistema: tra gli ultimi progetti c'è la creazione di un'area dedicata proprio alle api. Nella sede principale di RDS sono state installate da circa un anno 3 arnie in cui si trovano oltre 300 mila api, un primo passo verso l'obiettivo maggiore: riuscire a creare un habitat favorevole per l'installazione di 6 arnie. Nel corso di questi mesi la famiglia si è allargata, all'interno di due dei nuclei installati, è stata allevata una nuova regina in grado di aumentare la popolazione delle api operaie. Il processo naturale ha permesso ai nuclei di RDS di incrementare la produzione del miele e sebbene le condizioni climatiche siano state dure anche per le nostre api, tuttavia la produzione del miele di RDS è andata avanti. Al momento il miele disponibile si aggira intono ai 5-6kg, un risultato decisamente importante per l'obiettivo di tutela e salvaguardia e delle api e dell'apicoltura in costante pericolo.

Pubblicato 29.09.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Green

Italia da record nel riciclo della carta: anticipato di 15 anni il target europeo

rds_community_login

Green

Salvaguardiamo le api: ecco gli alveari smart creati dai designer

rds_community_login

Green

Liberano l’alce che ha vissuto per due anni con un copertone al collo: ecco le immagini

rds_community_login

Green

Ecco il kit per trasformare il mitico Ciao Piaggio in una bici elettrica

rds_community_login

Green

Mascherine: ecco perché è importante tagliare gli elastici prima di buttarle via

rds_community_login

Green

Google Maps diventa ecosostenibile: dal 2022 si potrà scegliere la strada più green

rolling
×