icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
La storia di Simone Barlaam: da piccolo lo chiamavano Nemo, oggi è un campione del nuoto

Simone Barlaam è uno dei protagonisti di queste Paralimpiadi e ci ha reso orgogliosi aggiudicandosi due medaglie e un record mondiale, vi raccontiamo la sua storia

Simone Barlaam è uno dei tanti atleti che stanno rendendo orgogliosa l’Italia ai Giochi Parlalimpici di Tokyo 2020. Ha vinto l’oro nei 50 m stile libero maschile (categoria S9) portando a casa anche il record paralimpico con il tempo di 24,71 secondi. Poco dopo ha conquistato un argento nella Staffetta 4x100m stile libero maschile insieme a Antonio Fantin, Stefano Raimondi e Simone Ciulli.

Classe 2000, prima ha imparato a nuotare, poi a camminare. Fin da piccolo è stato soprannominato Nemo come il pesciolino della Pixar con una pinna più piccola dell’altra. Nato con gamba più corta a causa di una coxa vara e una ipoplasia congenita del femore destro, già da bambino ha dovuto subire 12 interventi chirurgici; un calvario che si è concluso solo nel 2021 quando si è sottoposto all’ultima operazione.


Si è avvicinato al nuoto nel 2007 e, due anni dopo, ha partecipato alle prime gare a livello agonistico. “Si trattava dell’unico sport che da ragazzino potevo praticare considerata la mia disabilità” - ha detto Simone Barlaam alla Gazzetta dello sport - “L’acqua, infatti, era l’unico ambiente che mi permetteva di fare attività fisica senza mettere a rischio il mio femore. Avevo provato nel triathlon ma ero troppo scarso nella bici e nella corsa”.

Simone studia ingegneria alla Bocconi di Milano. Ha una grande passione per le graphic novel ed è cresciuto guardando per ore i documentari sugli squali. Tra i suoi miti ci sono il Kobe Bryant - "il suo modo di pensare la quotidianità mi piace molto e mi ci ritrovo abbastanza”, ha detto - e considera come suo “fratellone maggiore” Federico Morlacchi che l'ha aiutato a crescere e a diventare quello è oggi. Ora però è lui ad essere diventato una fonte d’ispirazione per le nuove generazioni. Se sempre più bambini e bambine oggi si stanno avvicinando al nuoto è anche merito suo.


Appassionato, positivo e sempre entusiasta, quella di Simone Barlaam si aggiunge alle tante storie importanti di questi Giochi Parlalimpici. L’avventura di Tokyo 2020 per Simone, però, non si è ancora conclusa. Giovedì tornerà in acqua per i 100 m farfalla maschile (categoria S9). Tutti a tifare per lui!


Foto: LaPresse

Pubblicato 31.08.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

“Keula, vuoi sposarmi?”: l’emozionante proposta della guida all’atleta non vedente alle Paralimpiadi

rds_community_login

Attualità

I nuovi obbiettivi del governo: obbligo vaccinale, terza dose ed estensione del Green pass

rds_community_login

Attualità

Gli dissero che non avrebbe più visto: oggi Oney Tapia è un campione olimpico

rds_community_login

Attualità

Dalle mascherine ai tamponi salivari: le linee guida per il rientro a scuola

rds_community_login

Attualità

Paralimpiadi, Katia Aere conquista il bronzo e dedica il successo ad Alex Zanardi: “Sono qui per lui”

rds_community_login

Attualità

Le tante vite di Luca Mazzone: il suo successo ci insegna che i limiti non esistono

rolling
×