Viral News

Chi ascolta rock ha meno probabilità di diventare calvo, lo conferma questo studio

Condividi condividi
Pubblicato il 19/01/2023
Di Team Digital
Chi ascolta rock ha meno probabilità di diventare calvo, lo conferma questo studio


Andare ai concerti allunga la vita, ascoltare musica heavy metal riduce l’ansia, il rock invece evita la perdita dei capelli.


A dirlo è una nuova ricerca di Vera Clinic che, dopo essersi occupata dei generi musicali che più ci aiutano a gestire l’ansia, ha fatto nuovi studi concentrandosi su come certa musica possa influire sulla cute di chi l’ascolta.


D’altronde, da Dave Grohl fino ai Bon Jovi o gli Europe, i rocker sono rinomati per la loro chioma fluente. Tutto merito della velocità dei brani: lo studio ha preso in esame molti brani rock e ha riscontrato che in media i bpm (battiti per minuto) erano del 24% più bassi rispetto ad altri generi, come ad esempio la techno o la drum ‘n’ bass. 


Le canzoni rock sono più rilassanti e stimolano le endorfine


Il dottor Ömer Avlanmıs ha commentato che, per quanto sorprendenti, questi risultati  “dal punto di vista medico hanno molto senso”. Una persona più rilassata è meno propensa a diventare calva. In più le canzoni rock hanno quella che Avlanmıs ha descritto come la “nostalgia positiva”, ovvero riescono a infondere sensazioni di felicità e di calma grazie al rilascio di endorfine nel cervello.


Gli studiosi si sono trovati costretti a ribadire che, ovviamente, non basta il semplice ascolto di canzoni per ridurre la perdita di capelli. Ci sono molti aspetti importanti da tenere conto come, ad esempio, l’alimentazione. Così ha commentato il dottor Earim Chaudry: 


“Poiché i capelli sono costituiti da proteine, assicurarsi di assumere una quantità sufficiente di proteine nella dieta è il primo passo per evitare che i capelli diventino sottili e fragili”.


Foto: YouTube


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI