icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Buon compleanno all’Uomo Tigre: il mitico lottatore mascherato compie 50 anni

Il cartone cult è andato in onda per la prima volta il 2 ottobre del 1969

Buon compleanno all’"Uomo Tigre". L’uomo "solitario" che nella notte combatte i criminali con la maschera da tigre deve soffiare sulla bellezza di 50 candeline. Versione animata dell’omonimo manga creato da Ikki Kajiwara, il cartone è andato in onda per la prima volta il 2 ottobre del 1969 e venne trasmesso fino al 1971. In seguito uscì una seconda stagione nel 1981 ("Uomo Tigre II") e una terza nel 2016 ("Tiger Mask W").


La storia ha come protagonista Naoto Date, un orfano cresciuto dopo la fine della Seconda guerra mondiale che, dopo aver appreso l’arte della lotta libera presso la Tana delle Tigri, ha iniziato a usare tutte le sue abilità da wrestler per combattere i peggiori criminali.

In Italia il cartone è arrivato per la prima volta sulla neonata Rete 4 all’inizio degli anni ottanta. Entrambe le stagioni riscossero un grandissimo successo e furono trasmesse in replica sui canali Mediaset per oltre vent'anni. Dal 2010 è andata in onda sulla rete satellitare Man-ga. La sigla della versione italiana de "L'uomo Tigre” fu scritta da Riccardo Zara e cantata dai Cavalieri del Re e, ad oggi, è ancora un vero proprio cult per intere generazioni.

Pubblicato 03.10.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Serie TV

Amazon Prime Video annuncia tutte le serie tv di giugno

rds_community_login

Serie TV

La Casa di Carta: Il Professore svela il "suo" finale. Lisbona muore?

rds_community_login

Serie TV

Red Zones: è in onda la prima docu-serie italiana sulla pandemia

rds_community_login

Serie TV

Le nuove fiction di Mediaset pronte per le prossime stagioni televisive

rds_community_login

Serie TV

Torna "Tredici": in arrivo su Netflix la quarta e ultima stagione

rds_community_login

Serie TV

Perché i protagonisti della casa di carta si chiamano con i nomi di città

rolling
×