icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Lo sfogo di Fedez dopo la nuova accusa del Codacons: “Sono stufo di essere perseguitato”

Al centro delle accuse i cinque milioni di euro raccolti con il progetto Scena Unita per i lavoratori del mondo dello spettacolo

I conflitti tra Fedez e il Codacons sembrano essere destinati a durare in eterno. Pochi minuti fa il cantante ha pubblicato nelle sue instagram stories una nuova raccomandata inviatagli dall'associazione per la difesa dei diritti dei consumatori. Al centro dell’accusa, ora, ci sono i 5 milioni raccolti da Scena Unita, il progetto creato da Fedez e da molti altri artisti italiani con l’intento di sostenere i lavoratori del mondo dello spettacolo rimasti fermi da più di un anno.

“Si chiede di procedere all’immediato sequestro” - dice Fedez su Instagram mostrando la raccomandata - “Sono stufo di essere perseguitato anche quando si fa del bene. Hanno il coraggio di rompere i coglioni ad artisti che hanno raccolto milioni per aiutare i lavoratori dello spettacolo. Come è possibile succeda questo? Riescono a paragonare la nostra raccolta fondi, con cui abbiamo raccolto più di 5 milioni di euro per i lavoratori dello spettacolo, alla raccolta fondi di Malika”.

La risposta del Codacons non si è fatta attendere. L’associazione ha definito gli “insulti e la violenza” di Fedez inaccettabili. Così si legge sull'Adnkronos: “Evidentemente Fedez non ha letto la nostra istanza, e se l’ha letta non l’ha capita, dimostrando leggerezza e superficialità. L’atto presentato dalla nostra associazione e a cui il rapper fa riferimento è finalizzato proprio a tutelare le raccolte fondi come quella avviata da Fedez, e a garantire trasparenza e correttezza ai donatori circa la destinazione e l’utilizzo dei soldi raccolti. Una richiesta, come si legge nell’atto, che chiama in causa anche i recenti fatti di cronaca, come il caso di Malika che ha tenuto banco sulla stampa per giorni e ha minato la fiducia dei cittadini verso le iniziative di beneficenza, senza minimamente paragonare la raccolta di Fedez a quella della ragazza”.

L’associazione ha anche aggiunto che questi insulti varranno a Fedez una nuova querela per diffamazione. Così conclude il Codacons: “In favore dell’influencer stanziamo volentieri una piccola somma per pagare un giovane docente di italiano che, da oggi, manderemo a casa di Fedez quando dovrà leggere atti da noi scritti, per essere certi che li legga e li comprenda a fondo".


Foto: Fedez, via Instagram

Pubblicato 14.07.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Cantanti Italiani

Guarda “Latte+”, il video del nuovo singolo di Achille Lauro

rds_community_login

Cantanti Italiani

“I Wanna Be Your Slave”, ecco il nuovo provocatorio videoclip dei Maneskin

rds_community_login

Cantanti Italiani

Ecco il cast di “Invito al viaggio”, l’evento all’Arena di Verona in tributo a Franco Battiato

rds_community_login

Cantanti Italiani

Fedez denuncerà il Codacons per stalking giudiziario

rds_community_login

Cantanti Italiani

Elodie è una sirena bellissima: ecco i commenti all’ultima foto su Instagram

rds_community_login

Cantanti Italiani

Brutto incidente per Jovanotti: ecco cosa è successo

rolling
×