Green

Stop alla plastica usa e getta: ecco cosa non si potrà più comprare

Condividi condividi
Pubblicato il 13/01/2022
Di Team Digital
Stop alla plastica usa e getta: ecco cosa non si può più comprare


Dal 14 gennaio entra finalmente in vigore la legge che vieta l’utilizzo della plastica usa e getta. Si tratta di un passo importante voluto dall’Europa per contrastare l’inquinamento dei mari: secondo le stime attuali galleggiano negli oceani tra i 5 e i 13 milioni di tonnellate di plastica di cui la metà è monouso.


Come spiega il decreto legislativo pubblicato in Gazzetta Ufficiale, il “prodotto di plastica monouso” è quello “realizzato interamente o parzialmente in plastica, a eccezione del prodotto realizzato in polimeri naturali non modificati chimicamente”. Vietati anche le plastiche oxo-degradabili, ovvero le “materie plastiche contenenti additivi che attraverso l’ossidazione comportano la frammentazione della materia plastica in microframmenti o la decomposizione chimica”.


L’Adnkronos ha diffuso l’elenco di tutti i prodotti che non si potranno più acquistare: posate, piatti, cannucce, i bastoncini cotonati, agitatori per bevande, aste da attaccare a sostegno dei palloncini, alcuni specifici contenitori per alimenti in polistirene espanso, contenitori e tazze per bevande in polistirene espanso e relativi tappi e coperchi. Come fa notare Green Me, sono rimasti fuori dal divieto i palloncini, altamente inquinanti, così come i bicchieri, ad oggi uno degli oggetti monouso più venduti in assoluto. 


Il divieto non si rivolgerà solo al mondo delle ristorazione e alla gastronomia ma anche alla vendita da parte di supermercati e negozi. I commercianti potranno smaltire le scorte ma dovranno dimostrare che gli oggetti sono stati acquistati prima del 14 gennaio 2022. Per chi non rispetta le regole sono previste multe dai 2.500 a 25.000 euro.


Foto: Istock


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI