Green

I 10 oggetti più comunemente abbandonati sulle nostre spiagge: la lista di Legambiente

Condividi condividi
Pubblicato il 13/05/2022
Di Team Digital
I 10 oggetti più comunemente abbandonati sulle nostre spiagge: la lista di Legambiente


Nella settimana in cui l’Italia ha conquistato nuove bandiere blu nella lista delle spiagge con il mare più pulito, c’è un dato che preoccupa non poco il nostro ambiente e in primis noi stessi.


I volontari di Legambiente hanno infatti pubblicato i risultati di una nuova indagine, effettuata con costanza annuale, che evidenza come i nostri litorali italiani sono davvero tanto sporchi e pieni di immondizia. 


L’indagine “Beach Litter” ha infatti evidenziato come siano in totale 44.882 i rifiuti recuperati in un’area totale di 271.500 mq, ovvero nelle 53 spiagge analizzate in 14 regioni d’Italia (Abruzzo, Basilicata, Campania, Calabria, Emilia-Romagna, Lazio, Friuli-Venezia Giulia, Marche, Lombardia, Molise, Puglia, Sicilia, Sardegna, Veneto). La quantità di rifiuti è allarmante se si pensa che, in proporzione, passeggiando troveremmo circa 8 rifiuti a ogni passo, valore di molto sopra al valore stabilito dall’Unione Europea per considerare una spiaggia in un buono stato ambientale: meno di 20 rifiuti ogni 100 metri lineari di costa.


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Legambiente Onlus (@legambiente)


È chiaro a tutti i noi quali siano i tipi di rifiuti che troviamo sulle spiagge, ma bisogna ricordarli nella speranza che ognuno, nel proprio piccolo, faccia il possibile per evitare che questi dati inizino a scendere. Ben l’84% dei materiali ritrovati è di plastica (37.604 sui 44.882 totali), seguiti da 2.004 oggetti di metallo (4,5%), 1.920 di carta/cartone (4,3%) e 1.566 di vetro/ceramiche (3,5%). Il 46% di questi oggetti è di tipo usa e getta, dunque che dovrebbero anche essere limitati e vietati dalle direttive europee, ma che continuano a far parte della quotidianità di troppi tra noi.


Nella triste top 10 dei rifiuti più frequentemente abbandonati sulle nostre spiagge si trovano al primo posto oggetti e frammenti di plastica con una dimensione compresa tra 2,5 e 50 cm (14,7% del totale), seguiti dai mozziconi di sigarette (l’8,5%) e dai pezzi di polistirolo (dimensione 2,5-50cm) pari all’8,4%. Seguono tappi e coperchi in plastica (7,9%) e le stoviglie usa e getta (6,1%); sesto posto per bottiglie e contenitori in plastica per bevande (4,8%), al settimo le reti o sacchi per mitili o ostriche (4,7%), seguite dai cotton fioc in plastica (4,5%)


Legambiente ha anche lanciato la nuova edizione di “Spiagge e Fondali Puliti”, la storica campagna dedicata al monitoraggio e alla pulizia dei rifiuti abbandonati lungo le nostre coste: saranno più di 70 le iniziative nel corso di quest’anno e coinvolgeranno volontari, enti, scuole, comuni e associazioni. Per scoprirle tutte si può consultare la pagina dedicata sul sito di Legambiente


Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Legambiente Onlus (@legambiente)


Immagine di copertina: iStock 


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI