icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
L’infanzia di Matteo Berrettini: “Da bambino credevo di essere scarso a tennis”

Ha scritto la storia del tennis ma ha preso consapevolezza del suo talento solo intorno ai vent’anni, Matteo Berrettini si racconta

È entrato nella storia del tennis diventando il primo italiano ad arrivare in finale a Wimbledom. Dopo aver affrontato il numero uno del mondo Novak Djokovic, Matteo Berrettini ha ricevuto i complimenti e gli elogi da molte delle testate più prestigiose. Come ha detto lui stesso, con la sicurezza che solo i veri campioni sanno di avere, questa sconfitta non è stata altro che l’inizio della sua carriera. E pensare che, da piccolo, non era nemmeno certo di essere bravo a giocare.

“Ero un bambino che a tennis pensava di essere scarso” - ha detto intervistato dal Corriere - “Ci ho messo un po’ ad appassionarmi: mio fratello Jacopo è stato decisivo. Siamo molto uniti: non a caso porto tatuata la sua data di nascita”.

Il tennista ha confidato di aver preso consapevolezza delle sue capacità solo pochi anni fa. “Nel 2016, a vent’anni, quando ho raggiunto la prima finale Challenger in Puglia, mi sono detto che forse, per vivere, potevo fare il tennista” - ha continuato Berrettini - “Ma ho iniziato a crederci sul serio nel 2019, con la semifinale contro Nadal all’Open Usa. A New York ho capito che a un certo livello ci potevo stare, però da quel punto in poi andava creata una continuità di rendimento”.

Nell’intervista ha voluto dedicare anche un pensiero alla fidanzata Ajla Tomljanović, anche lei tennista. “Ajla è stata fondamentale” - ha detto Berrettini - “La bolla di Wimbledon era molto restrittiva, per due settimane ho fatto hotel-circolo e circolo-hotel. Avere un affetto accanto, passare il poco tempo libero con la persona che ti è più cara, è decisivo. Da tennisti giramondo, non ci vediamo tutti i giorni: i tornei per noi sono un’occasione per stare insieme. Anche a Londra siamo entrati dentro la relazione a tutti gli effetti: durante Wimbledon abbiamo litigato, fatto pace, riso, discusso, scherzato. Non è facile. Però è importante”


Foto: LaPresse

Pubblicato 13.07.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

“L’onore spetta all'uomo nell’arena”: il discorso di Vialli agli Azzurri è da brividi

rds_community_login

Matrimoni VIP

Carla Bruni canta al matrimonio di Marco Verratti e incanta tutti: il video

rds_community_login

Attualità

In arrivo un nuovo decreto entro la fine di luglio: ecco le possibili restrizioni

rds_community_login

Attualità

Stop ai termini “Maschio” e “femmina” per i cavi: la proposta delle aziende audio americane

rds_community_login

Attualità

Le hostess di Lufthansa cambieranno il saluto a bordo perché non è neutro: ecco le alternative

rds_community_login

Attualità

Green pass obbligatorio per palestre, stadi e ristoranti: le ipotesi del Governo per frenare i nuovi contagi

rolling
×