Attualità

La pillola anti-Covid di Pfizer promette di ridurre dell’89% il rischio di ospedalizzazione

Condividi condividi
Pubblicato il 05/11/2021
Di Team Digital
La pillola anti-Covid di Pfizer promette di ridurre dell’89% il rischio di ospedalizzazione

Sarà venduto con il nome di Paxlovid

Pfizer ha presentato i primi risultati del nuovo farmaco sperimentale per curare il Covid. L’azienda farmaceutica sostiene che la pillola può ridurre del 89% il rischio di ospedalizzazione o morte nei pazienti che iniziano la cura in modo tempestiva appena riconoscono i sintomi.


Come spiega Il Corriere, il team indipendente di esperti che ha seguito la sperimentazione del farmaco ha consigliato di fermare lo studio prima del previsto perché i risultati avevano già superato di gran lunga le aspettative.


Pfizer ha detto che presenterà al più presto i dati raccolti alla Food and Drug Administration al fine di ottenere l’autorizzazione all’immissione al mercato. Sarà venduto con il nome di Paxlovid. La terapia dovrà includere un altro farmaco, il ritonavir, e prevederà tre pillole, due volte al giorno, da somministrare a partire dal terzo giorno in cui vengono individuati i sintomi.


Intanto il molnupiravir, l’antivirale per Covid prodotto dalla Merck & Co- MSD, è stato attualmente approvato nel Regno Unito. Nella conferenza stampa di oggi, il presidente del Consiglio superiore di sanità Franco Locatelli ha dichiarato che l’ “Aifa si è già attivata per acquisire una quantità adeguata del farmaco antivirale orale per il Covid-19 molnupiravir”.



Foto: LaPresse


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI