icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Dalla vendita di alcolici, fino ai cinema e ai concerti: cosa cambia con il nuovo Dpcm

Tutte le misure di sicurezza inserite nel nuovo Dpcm in vigore dal 6 marzo al 6 aprile

Dopo aver anticipato ieri le misure previste per la scuola, il governo Draghi ha firmato il nuovo Dpcm che andrà a sostituire quello precedente e sarà in vigore dal 6 marzo fino al 6 aprile. Come spiega Il Corriere, rimangono confermate molte delle restrizioni già annunciate nelle scorse settimane. Il coprifuoco rimane dalle dalle 22 alle 5 e lo spostamento al di fuori dei propri confini regionali è vietato fino al 27 marzo, salvo le deroghe già annunciate.

Le palestre e le piscine rimarranno chiuse. Saranno invece consentite “l’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi, pubblici e privati” pur rispettando le norme del distanziamento sociale e con l’assoluto divieto di creare assembramenti.

In zona arancione e rossa bar e ristoranti rimarranno chiusi. In zona gialla potranno svolgere la loro attività dalle 5 alle 18. Per i ristoranti il servizio di asporto sarà consentito fino alle 22, per i bar invece solo fino alle 18. Novità per “enoteche o esercizi di commercio al dettaglio di bevande” a cui sarà consentito l’asporto fino alle 22. Rimane tassativamente “vietato il consumo sul posto” davanti ai locali oltre alle ore stabilite.

Per quanto riguarda i negozi, invece, in zona rossa rimarranno chiusi quelli di abbigliamento, calzature e gioiellerie. Serrande abbassate anche per parrucchieri e centri estetici. In zona gialla e arancione gli esercizi saranno aperti. Queste le eccezioni: “Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei mercati e dei centri commerciali, gallerie commerciali, parchi commerciali ed altre strutture ad essi assimilabili, a eccezione di farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, lavanderie e tintorie, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie".

Le sale giochi e le discoteche rimarranno chiuse in tutta Italia. Musei e gallerie continueranno ad essere aperti in zona gialla dal lunedì al venerdì. Dal 27 marzo saranno accessibili anche durante il weekend. Il servizio sarà “assicurato a condizione che l’ingresso sia stato prenotato on line o telefonicamente con almeno un giorno di anticipo”.

Novità infine a partire dal 27 marzo per cinema, teatri e concerti. “Gli spettacoli aperti al pubblico in sale teatrali, sale da concerto, sale cinematografiche, live-club e in altri locali o spazi anche all’aperto sono svolti esclusivamente con posti a sedere preassegnati e distanziati e a condizione che sia comunque assicurato il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro sia per il personale, sia per gli spettatori che non siano abitualmente conviventi». Secondo le nuove regole «la capienza consentita non può essere superiore al 25 per cento di quella massima autorizzata e, comunque, il numero massimo di spettatori non può essere superiore a 400 per spettacoli all’aperto e a 200 per spettacoli in luoghi chiusi, per ogni singola sala".


Foto: LaPresse

Pubblicato 03.03.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

Ristoranti, cinema e attività sportive: le riaperture in zona gialla previste per lunedì

rds_community_login

Attualità

Scuola: da lunedì il 60% degli studenti delle superiori torna in aula

rds_community_login

Attualità

La Superlega è già al capolinea: le squadre inglesi si sono ritirate

rds_community_login

Attualità

Come funzionerà la Superlega, la nuova competizione che vuole rivoluzionare il mondo del calcio

rds_community_login

Attualità

Sarà possible spostarsi tra regioni con un’autocertificazione: ecco i dettagli

rds_community_login

Attualità

Viaggiare in sicurezza: partito il primo treno Covid free Roma-Milano

rolling
×