icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Ambra, Martina e Monica: chi sono le “Charlie’s Angels' che hanno conquistato Tokyo 2020

Sabatini, Caironi e Contrafatto ci hanno regalato un’incredibile tripletta nei 100 metri ai Giochi Paralimpici di Tokyo.

Tre atlete hanno colorato col tricolore il podio dei 100 metri categoria t63 (atleti con protesi a un arto) lo scorso sabato 4 settembre: Ambra Sabatini, Martina Caironi e Monica Contrafatto hanno sicuramente scritto una pagina dello sport italiano con la loro impresa.

Tre donne straordinarie, piene di grinta e tenacia, che la Gazzetta ha raccontato per celebrare la loro splendida vittoria alle Paralimpiadi di Tokyo 2020.


Ambra Sabatini è nata a Porto Ercole (Grosseto) e ha compiuto 19 anni lo scorso 19 gennaio. Ha subito l’amputazione della gamba sinistra al sopra del ginocchio a seguito di un incidente in scooter nel giugno del 2019, che ha superato anche grazie all’affetto dei suoi cari e dei suoi amici, ma anche dei compagni di atletica.

Prima di intraprendere la carriera nella velocità dei 100 metri si è dedicata anche al nuoto: “Ai normodotati vorrei dire che osservando persone come me non devono farsi abbattere dalle banalità della vita. A quelli che sono nelle mie stesse condizioni augurerei di provare le stesse sensazioni che sto provando io: nuove prospettive di vita e nuove ambizioni nello sport, nello studio e nel lavoro. E a quelli che non fanno nulla vorrei dire che non sanno quante emozioni si perdono”.


Anche la vita di Martina Caironi è stata stravolta da un incidente in motorino: quando aveva 19 anni, nel 2007, i medici furono costretti ad amputarle la gamba a seguito di uno scontro in scooter.

Già campionessa a Londra 2012 e Rio 2016, Martina ha anche superato un periodo nero a seguito di una squalifica per doping, perché aveva utilizzato una crema prescritta da un medico per una piaga, ma conteneva una sostanza proibita per le competizioni. La sua soddisfazione più grande è stata entrare nel Comitato Paralimpico delle Fiamme Gialle, oltre a essere rappresentante degli atleti nel Comitato Italiano Paralimpico. “Una volta accettata la propria diversità ci si può divertire: giocarci permette di viverla bene”.


Monica Contrafatto è stata Caporal maggiore in servizio in Afghanistan, dove è rimasta ferita in un attaccato a marzo 2012: le numerose ferite l’hanno costretta all’amputazione della gamba.

È stata la prima donna a ricevere la Medaglia al valore dell’esercito diventando Ufficiale dell’Ordine al merito della Repubblica perché, dopo essere stata ferita, “con spiccato coraggio rifiutava le prime cure e incitava i propri commilitoni alla reazione”.

La sua carriera da atleta inizia guardando in TV l’oro olimpico di Martina Caironi, che l’ha spinta ad affrontare la vita sotto una chiave diversa: nel 2013 Monica ha ricevuto la protesi e ha iniziato ad allenarsi, conquistando la medaglia di bronzo alle Olimpiadi di Rio del 2016, anche in quell’occasione accanto alla sua collega Caironi.
Il pensiero di Monica, dopo la medaglia di bronzo a Tokyo 2020, è andato all’Afghanistan: “Un Paese che mi ha tolto qualcosa e mi ha dato molto, sogno di tornarci”.


Foto: LaPresse

Pubblicato 06.09.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

Matteo Berrettini vola ai quarti di finale nell’US Open: sfiderà (di nuovo) Djokovic

rds_community_login

Attualità

Sottrae il gratta e vinci vincente a un’anziana, tabaccaio fermato a Fiumicino: era in partenza per Fuerteventura

rds_community_login

Attualità

L’Italia è campione d’Europa nel volley femminile!

rds_community_login

Attualità

“Keula, vuoi sposarmi?”: l’emozionante proposta della guida all’atleta non vedente alle Paralimpiadi

rds_community_login

Attualità

I nuovi obbiettivi del governo: obbligo vaccinale, terza dose ed estensione del Green pass

rds_community_login

Attualità

Gli dissero che non avrebbe più visto: oggi Oney Tapia è un campione olimpico

rolling
×