icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Nell'abbazia di Grimbergen, dopo oltre 220 anni i monaci tornano a produrre birra

L'appuntamento per l'inaugurazione del piccolo birrificio interno all'abbazia di Grimbergen è per il settembre del 2020.

"Brucia ma non si consuma": è il motto dei monaci dell abbazia di Grimbergen, fondata nel 1128 vicino a Bruxelles, in Belgio, e risorta tre volte, dopo altrettanti incendi, grazie alla tenacia dei padri norbertini. Oggi, proprio come la Fenice, che è l'emblema della birra nata in questa abbazia nel tredicesimo secolo, riprenderà la produzione di birra in casa dopo oltre 200 anni. Lo hanno annunciato i monaci dell'abbazia insieme ai manager di Carlsberg, l'azienda danese che ha acquistato il marchio nel 2008 e che produce le birre Grinbergen, tra le altre le blanches, le blondes e le Doubles Ambrées, che sono molto apprezzate anche in Italia. L'appuntamento per l'inaugurazione del piccolo birrificio interno all'abbazia è per il settembre del 2020, ha spiegato Serena Savoca, Marketing Manager Carlsberg Italia: "Qui si produrrà birra seguendo la tradizione dei monaci e sperimentando, in produzioni molto limitate, circa 10mila ettolitri l'anno", ha sottolineato. Sarà quindi limited edition nel segno dell'innovazione, partendo dalla tradizione quasi millenaria della birra locale. I mastri birrai sono andati a cercare le antiche ricette nei manoscritti custoditi nella biblioteca dell'abbazia che conta circa 35mila volumi di libri antichi. E da lì sono partiti con la sperimentazione: "L'idea è di produrre nuovi tipi di birra restando sempre nel solco della tradizione della bevanda belga d'abbazia. Ma vogliamo realizzare qualcosa di innovativo con nuovi ingredienti per completare il nostro range di birre. Abbiamo ad esempio lavorato su un doppio invecchiamento in diverse botti con spezie e aromi diversi, quali vaniglia, bourbon e whisky ad esempio", ha spiegato Marc-Antoine Sochon, mastro birraio Grimbergen. I monaci che oggi vivono nell'abbazia saranno coinvolti nella produzione. "Oggi vogliamo imparare per mantenere la stessa qualità del passato anche nel futuro. Per noi è molto importante ritrovare la qualità dell'antica tradizione. Una tradizione che si è tramandata anche oralmente con alcune modifiche nella birra di generazione in generazione", ha spiegato Karel Stautemas, il superiore della abbazia. Riprenderà così una tradizione che si è interrotta con la rivoluzione francese. I monaci furono costretti ad abbandonare l'abbazia che venne distrutta dalle truppe francesi insieme al birrificio nel 1798. E oggi, dopo oltre 220 anni, risorgerà. Come la fenice, l'uccello mitologico che risplende su ogni etichetta della birra Grimbergen.

Nell'abbazia di Grimbergen, dopo oltre 220 anni i monaci tornano a produrre birra




Immagine di copertina tratta da video.

Pubblicato 24.05.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Viral News

Saldi estivi: tutte le date di inizio regione per regione

rds_community_login

Viral News

Fare shopping aiuta a dimagrire: lo dice la scienza

rds_community_login

Viral News

La rivincita dell'uomo maturo: quando il fascino si tinge di grigio

rds_community_login

Viral News

Si chiude nudo nel frigorifero del supermercato: fermato dalla polizia

rds_community_login

Viral News

Il cielo della Virginia diventa un quadro di Van Gogh, le incredibili immagini

rds_community_login

Viral News

Il trucchetto del caffè per non farsi pungere dalle zanzare

rolling
×