icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Un coro di ragazzi friulani reinterpreta la canzone di Bono, gli U2 la condividono sulla loro pagina

Il “VocinVolo” della Scuola Di Musica Ritmea di Udine ha reinterpretato la canzone di Bono “Let your love be known”

Dopo l’apprezzamento di Chris Martin dei Coldplay per i due giovanissimi violinisti di Agrigento, un’altra importantissima band internazionale ha voluto rendere omaggio ad un gruppo di ragazzi italiani. Gli U2 hanno condiviso sulla loro pagina il video della canzone “Let your love be known” eseguita da coro “VocinVolo” della Scuola Di Musica Ritmea di Udine.

Si tratta della canzone scritta da Bono per le persone in prima linea nell’emergenza Coronavirus ispirandosi direttamente ai flashmob italiani. Il coro friulano ha deciso di reintepretarla per dare visibilità al progetto “Voci senza confini”, il cui obbiettivo è quello di usare le nuove tecnologie per aiutare i ragazzi disabili ad uscire  dell’isolamento gravemente acuito dalle misure restrittive del “lockdown”.

L’iniziativa e la nuova versione della canzone è piaciuta molto a Bono e soci, che hanno deciso di promuoverla sui loro canali ufficiali. Ecco il video:



Foto: Facebook

Pubblicato 23.07.2020

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Cantanti Stranieri

Il tweet di Mika dopo l’esplosione a Beirut: “Il mio cuore è con il Libano”

rds_community_login

Cantanti Stranieri

Tutti ballano “Jerusalema”: il brano di Master KG supera i 140 milioni di views su Tik Tok

rds_community_login

Cantanti Stranieri

Intimo provocante e sguardo da pantera, Rihanna è incredibile

rds_community_login

Cantanti Stranieri

La bellissima dedica di Lenny Kravitz a Jason Momoa per il suo compleanno

rds_community_login

Cantanti Stranieri

Adele cambia look: con i ricci è stupenda, ecco la nuova foto su Instagram

rds_community_login

Cantanti Stranieri

Instagram ha censurato un video di Madonna: ecco perché

rolling
×