icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
'Like a Prayer': compie 31 anni la canzone più amata (e controversa) di Madonna

"Like a Prayer", il singolo omonimo del celebre album, è stato pubblicato il 3 marzo dell'89

Il 1989 è un anno che si è distinto per molti fatti che sarebbero passati alla storia. In Giappone Akihito diventa Imperatore, alla 39ª edizione del Festival di Sanremo Fausto Leali e Anna Oxa si aggiudicano il primo premio con il brano "Ti lascerò", nasce il World Wide Web e cade il muro di Berlino (9 novembre). Ma è anche l'anno di un album su tutti. Quell'album è "Like a Prayer", il cui singolo - omonimo - è stato pubblicato il 3 marzo del 1989 mentre l'album - appunto - uscirà poco dopo, ovvero il 21 marzo del 1989. Un album dedicato al pubblico adulto, con una canzone principale che mescola elementi pop, rock fino al gospel. L'intera canzone è stata concepita per vivere secondo due punti di vista: quello cattolico e quello - invece - più disinibito (per dirla con leggerezza). Fu una delle canzoni più importanti della carriera artistica di Madonna, ma anche la più contestata. Di mezzo una questione religiosa prima, morale dopo.

La questione religiosa, non è cosa da poco conto per Madonna, tant'è che la canzone viene alla luce dopo la morte della madre, donna particolarmente cattolica e devota, che venne a mancare quando la cantante aveva 30 anni. Non solo: l'album nasce successivamente alla separazione tra Madonna e l'ex marito, il celebre attore americano Sean Penn. Al centro della canzone il peccato, ma anche il senso di colpa, temi importanti per la popstar, alle prese con vicende personali senza dubbio impegnative.
La canzone, frutto del lavoro di Madonna e Patrick Leonard (compositore e produttore discografico che invero, non approvò in toto il testo), vide la luce in sole tre ore. Nel brano c'è la vita della cantante cresciuta sì con l'insegnamento cattolico, ma - questa volta - in un contesto totalmente diverso. Il coro gospel fu cantato dal coro Andrae Crouch, coro che si guardò guardò bene dal comparire nel videoclip della canzone.
La canzone fu anche colonna sonora di uno spot della Pepsi, spot visto - secondo la società - da ben 250 milioni di persone. Ma la censura morale fu implacabile: l'autorità religiosa e le associazioni di famiglie proposero di boicottare Pepsi portando quest'ultima a ritirare lo spot dopo un solo giorno di trasmissione e senza (ovviamente) toccare il compenso dell'artista. Eppure, ad oggi, è ancora uno degli spot più performanti della storia della televisione.

Immagine di copertina tratta dal videoclip.

Pubblicato 03.03.2020

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Cantanti Italiani

Andrea Bocelli: a Pasqua un concerto in streaming dal Duomo di Milano

rds_community_login

Cantanti Italiani

Cesare Cremonini: la sua cover di "Il cielo in una stanza" è stupenda

rds_community_login

Cantanti Italiani

Mogol ha scritto “L’inno dei medici contro il Coronavirus” sulle note de “Il mio canto libero”

rds_community_login

Cantanti Italiani

È morta Marina, la madre di Alex Baroni: il commovente messaggio di Giorgia

rds_community_login

Cantanti Italiani

All'asta lo smoking indossato da Achille Lauro a Sanremo 2019: il ricavato andrà agli ospedali

rds_community_login

Cantanti Italiani

Eurovision 2020 cancellato: il commento di Diodato, in gara per l’Italia

rolling
×