icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Bologna dedicherà le luminarie di via D’Azeglio a Cesare Cremonini

Continuano le iniziative benefiche a sostegno della Fondazione Sant’Orsola di Bologna

Dopo l’omaggio a Lucio Dalla, questo Natale le luminarie di via D’Azeglio, a Bologna, si illumineranno con le parole di Cesare Cremonini.

Il Comune di Bologna e la Fondazione Sant’Orsola hanno deciso che “Nessuno vuole essere Robin” sarà la canzone simbolo delle iniziative in programma per il 2019. L’anno scorso, in concomitanza con l’accensione delle luminarie dedicate a “L’anno che verrà”, erano state organizzate un’asta benefica e una cena. I proventi raccolti hanno permesso di ristrutturare il day hospital del reparto di oncologia e l’acquisto di letti elettrici e poltrone per le terapie.

I referenti dell’iniziativa quest’anno hanno scelto “Nessuno vuole essere Robin”, considerato un brano “capace di essere uno specchio della società di oggi” e scritta da un "artista magnifico che lo stesso Lucio definì come suo erede”. Oltre all'asta, quest'anno è previsto un evento benefico - ancora in fase di ideazione - per garantire alla Fondazione Sant’Orsola il consueto sostegno e per portare i defibrillatori in tutte le scuole superiori di Bologna, che ancora ne sono privi.
 
Così ha commentato Cesare Cremonini: “Via D’Azeglio è la Bologna che amo. Quella da camminare, da respirare e da attraversare con il ghigno caratteristico dei bolognesi che sanno prendere a sberle la vita di tutti i giorni con la loro proverbiale ironia e quel pizzico di follia che li contraddistingue. Ora che si potranno leggere le rime di una mia canzone tra le luminarie della città dei poeti e dei cantanti, il cuore mi sobbalza di gioia e provo un senso di gratitudine ancora più forte verso la mia amata città. A Bologna ho dato tutto me stesso, fin dai miei esordi da “cinno” che guardava ai grandi nomi della musica con reverenza e ammirazione. Sono stato ricambiato con un affetto paterno, incondizionato, cresciuto e maturato nel tempo. Perché Bologna è una città tanto generosa quanto onesta nei giudizi, che non ti regala niente se non la rispetti. Ringrazio quindi di cuore il Comune, tutti i cittadini che la attraversano e la colorano ogni giorno, i commercianti e i lavoratori che hanno fatto di questa via che appartiene idealmente a Lucio Dalla, un posto magico per tutti, non solo per noi bolognesi ma anche per i tantissimi i turisti che la cercano e la visitano ogni giorno. Lucio diceva sempre di dargli retta, che l’impresa eccezionale è essere normale. In un mondo in cui molti si travestono da supereroi, Bologna resta orgogliosamente una città a misura di Robin, un approdo sicuro per tutti gli essere umani. Grazie a tutti”.


Foto: Instagram, Instagram

Pubblicato 06.11.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Cantanti Italiani

Emma Marrone e Elodie hanno fatto pace: ecco il video su Instagram

rds_community_login

Cantanti Italiani

Giovanni Allevi pubblica "Hope": la magia del Natale e la speranza contro i tempi bui

rds_community_login

Cantanti Italiani

Arriva "Cheyenne": ecco il singolo a sorpresa di Francesca Michielin

rds_community_login

Cantanti Italiani

Vasco Rossi: annunciate le date nei festival

rds_community_login

Cantanti Italiani

Cesare Cremonini: ascolta il nuovo singolo "Al telefono"

rds_community_login

Cantanti Italiani

"Lorenzo sulla luna", ecco la tracklist del nuovo album di Jovanotti

rolling
×