Green

Una bottiglia di acqua per una conversazione: l’impatto ambientale dell’intelligenza artificiale riportato in uno studio

Condividi condividi
Pubblicato il 11/05/2023
Di Team Digital
Una bottiglia di acqua per una conversazione: l’impatto ambientale dell’intelligenza artificiale riportato in uno studio


Uno studio dell’Università del Colorado Riverside e dell’Università del Texas di Arlington ha calcolato l’impatto ambientale dei più popolari software di intelligenza artificiale in termini di consumo idrico.


ChatGpt, OpenAi e Bard sono i più noti applicativi di intelligenza artificiale che stanno prendendo sempre più piede. Se da un lato potranno avere i loro benefici dall’altro non saranno esenti dall’avere un impatto sulle risorse idriche; lo studio universitario ha calcolato che l’addestramento di ChatGpt-3 ha consumato 700.000 litri di acqua dolce per il raffreddamento del data center. Un quantitativo sufficiente a realizzare 370 auto Bmw o 320 Tesla.


Perché i software di IA consumano tanta acqua?


Il motivo è semplice: i software di intelligenza artificiale richiedono enormi data center e il raffreddamento di queste strutture comporta un grande dispendio di acqua.


La ricerca universitaria è scesa anche nel quotidiano dimostrando come una semplice conversazione con un tool di IA consuma fino a una bottiglia di acqua di un litro.


“L’impronta idrica dei modelli di intelligenza artificiale non può più rimanere sotto i radar – spiegano gli autori dello studio – deve essere affrontata come una priorità e come parte degli sforzi collettivi per combattere le sfide idriche globali”.


Foto di Jason Leung su Unsplash


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI