icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
'Zoom Fatigue' la sindrome da stanchezza psicologica da videochiamate

Alcuni consigli per superarla: fare una pausa tra una riunione e l'altra, spegnere le telecamere durante le video-call

Si chiama "Zoom fatigue" ed è una conseguenza delle video-call al tempo del lockdown. Il termine si riferisce soprattutto a Zoom come strumento preferito per le videochiamate di gruppo. In questo periodo di distanziamento sociale è stato necessario e indispensabile trovare altre modalità per continuare a lavorare da casa, a distanza.
Una modalità risultata funzionale per le riunioni sono state proprio le video-conferenze, o video-call della piattaforma ZOOM. Due, tre al giorno e siamo riusciti a tenere i contatti lavorativi, a portare avanti i progetti e a non fermare il nostro lavoro. Sul lato personale, poi, le chiamate sono diventate tutte video-chiamate, perché amici e parenti ci sono mancati tanto e vedere i loro volti è stato di conforto per ciascuno di noi.
Tutto questo "video" senza il contatto "faccia a faccia" a quanto pare ci ha stancato molto di più dal punto di vista psicologico e della fatica mentale. Una spiegazione c’è e ce l'hanno chiarita alcuni psicologi e scienziati che hanno, appunto, iniziato ad utilizzare la definizione "Zoom fatigue" per questo particolare affaticamento.
Il motivo starebbe nella maggiore attenzione che ciascuno di noi deve impiegare durante le video-call per rintracciare i segnali non verbali. Nella comunicazione faccia a faccia il significato è spesso veicolato anche dal linguaggio non verbale che ci aiuta a comprendere e a memorizzare più facilmente. Nelle video-call, complice la scarsa qualità del video e la distanza, è più difficile la lettura di questi segnali.
Di questo particolare problema si sono occupati Gianpiero Petriglieri, professore associato di Insead e Marissa Shuffler, professore associato della Clemson University. Secondo i due professori, infatti, la videochiamata di per sé richiederebbe maggiore attenzione rispetto ad una conversazione faccia a faccia, perché c'è maggior lavoro da parte nostra per elaborare i segnali non verbali. Inoltre la qualità della connessione e del video, i ritardi dell'audio rendono tutto molto più faticoso.
I due esperti consigliano di limitare le videochiamate a quelle strettamente necessarie e di non accendere, per forza, le videocamere, ma limitarsi all'ascolto, come se fossero telefonate semplici. Un altro buon consiglio è quello di fare una pausa tra una videochiamata e l'altra, facendo un po' di esercizio oppure bevendo un caffè rilassati in poltrona. Insomma, staccare dallo schermo per un po'.
Foto: Pikist.com

Pubblicato 06.05.2020

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

Scuola: ecco le linee guida per il ritorno in classe a settembre

rds_community_login

Attualità

Voli cancellati: non saranno previsti rimborsi ma voucher, ecco come fare

rds_community_login

Attualità

Ripartono i matrimoni: ecco le prime regioni e con quali regole

rds_community_login

Attualità

Donna lascia in eredità 6,5 mln al Comune di Treviglio: ma con un vincolo importante da onorare

rds_community_login

Attualità

Riaprono i set: le riprese dei film e delle fiction ripartiranno entro la fine di giugno

rds_community_login

Attualità

Scuole elementari: niente più voti numerici a partire dal prossimo anno

rolling
×