icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
WhatsApp: sindaco di Desulo (Nuoro) 'abolisce' i gruppi WhatsApp delle mamme

Il primo cittadino del comune di Desolo emana 'un'ordinanza' contro i gruppi WhatsApp della mamme.

Uno scherzo? Certamente. Ma siamo certi, che se ci fosse un referendum in merito, ci sarebbe più battaglia sui gruppi WhatsApp delle mamme che per la legge elettorale.
Vero è che il post è ironico, ma dietro all'ironia di Gigi Litturru - primo cittadino di Desulo, comune montano di 2mila abitanti in provincia di Nuoro - c'è un "basta". Basta gruppi. Basta Fake News che circolano su WhatsApp diventando inevitabilmente delle verità sempre più difficili da scardinare. Uno scherzo, questo sì, ma destinato a portare ad una riflessione. Vien poi da specificare, che il sindaco ha poi spiegato che è preoccupato anche dei gruppi dei papà, in egual misura. Come dire, "un colpo al cerchio e uno alla botte".

WhatsApp: sindaco di Desulo (Nuoro) 'abolisce' i gruppi WhatsApp delle mamme


Considerato che la grande maggioranza di cittadini è in possesso di uno o più smartphone e che l’applicazione Whatsapp è installata sulla maggior parte degli smartphone in possesso dei cittadini
Considerato che la piattaforma Whatsapp può essere usata come uno strumento valido di comunicazione e scambio di messaggi e/o documenti soprattutto mediante lo strumento dei gruppi
Constatato altresì che la gran parte dei genitori soprattutto di sesso femminile (ai quali spesso si aggiungono nonne e zie e maestre) ne fa un uso massiccio e talvolta sconsiderato soprattutto per comunicazioni riguardanti la scuola
Preso atto purtroppo che la gran parte dei messaggi scambiati in questi cosiddetti “gruppi mamme” consiste di pettegolezzi, fake news, allarmismi, preoccupazioni eccessive, (dall’unghia incarnita al graffio sottocutaneo, dalla tinta della copertina del quaderno alla pasta stracotta della Mensa, fino ad arrivare al terra piattismo, no VAX, no TAC, no FAX noSTICAZ etc. etc.)
Tenuto conto che l’attuale incertezza in materia di riapertura delle scuole causata dalla situazione sanitaria in atto potrebbe causare una esplosione di messaggi ed esternazioni in grado di confondere ancora di più la cittadinanza lasciando i genitori padri in balia delle schizofrenie delle mamme nonché di riflettersi negativamente sia sul personale docente che quello non docente
Constatato purtroppo che , immancabilmente, immutatamene, la responsabilità viene imputata al sottoscritto (“La colpa è sempre del Sindaco”)
Al fine di preservare la salute mentale degli studenti, del personale docente, dei genitori di sesso maschile, costretti a sopportare le peggiori schizofrenie, e comunque della cittadinanza tutta,
O R D I N A
1) Alle mamme, zie e nonne il divieto di utilizzo degli attuali gruppi medesimi nonché il divieto assoluto di creare nuovi cosiddetti “gruppi mamme” o analoghi
2) La violazione della presente ordinanza sarà punita con il sequestro dello smartphone e con la sospensione dell’account Whatsapp fino al termine dell’anno scolastico
I N F O R M A
Che avverso il presente provvedimento NON E’ ammesso ricorso al T.A.R. perché contrariamente a quanto pensino le mamme, il Sindaco HA SEMPRE RAGIONE.

Pubblicato 03.09.2020

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

Cashback e supercashback: i bonus del Governo ai cittadini per ridurre l’uso del contante

rds_community_login

Attualità

Alex Zanardi, il bollettino è incoraggiante: "Risponde a stimoli visivi e acustici"

rds_community_login

Attualità

Arriva il nuovo digitale terreste: ecco chi dovrà cambiare tv e come può richiedere il bonus

rds_community_login

Attualità

Da questa domenica TikTok sarà vietata in America

rds_community_login

Attualità

La Ferrero premia i suoi dipendenti con un bonus di 2.000 euro

rds_community_login

Attualità

Alessandro Del Piero consegna il cibo del suo ristorante alle persone più bisognose di Los Angeles

rolling
×