icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Ristoranti, spostamenti tra regioni e scuole: le regole del nuovo decreto

Le nuove misure di sicurezza previste dal decreto in vigore dal 7 aprile

Il governo ha presentato ufficialmente il nuovo decreto che andrà a sostituire quello in scadenza il 6 aprile e che durerà fino al prossimo 30 aprile. Saranno previste solo le fasce arancioni e rosse. Come riporta Il Corriere, la novità più importante riguarda bar e ristoranti, sui quali si intravedono possibili riaperture. Al momento non sono state indicate date precise ma si ipotizza che tra due settimane, quindi a partire dal 20 aprile, ci sarà una rivalutazione delle misure di sicurezza relative alle aperture a pranzo. Per ora continuerà ad essere possibile l’asporto e consegna a domicilio, per i bar sarà consentito fino alle 10, mentre ristoranti, enoteche e vinerie potranno farlo fino alle 22.

Gli spostamenti fuori dalle regioni non sono consentiti a meno che non ci “siano comprovate esigenze lavorative o da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute". Tra i motivi di necessità è stato chiarito che c’è anche l’assistenza a un parente malato e non autosufficiente, ma solo per la persona che deve occuparsene.

Le visite ai parenti e amici saranno possibili solo in zona arancione: “é consentito, in ambito comunale, lo spostamento verso una sola abitazione privata abitata, una volta al giorno, in un arco temporale compreso fra le 5 e le 22, e nei limiti di due persone ulteriori rispetto a quelle ivi già conviventi, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la responsabilità genitoriale e alle persone con disabilità o non autosufficienti conviventi”.

Per le scuole di tutta Italia dovranno tornare in presenza fino alla prima media. I governatori delle regioni non potranno opporsi a meno che non si verifichino situazioni di particolare gravità. Nelle zone arancioni “il secondo e terzo anno della scuola secondaria di primo grado si svolgono integralmente in presenza e le secondarie di secondo grado garantiscono l’attività in presenza dal 50 al 75%”.


Foto: LaPresse

Pubblicato 01.04.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

Fabrizio Corona lascia il carcere e torna a casa: l'abbraccio con la madre

rds_community_login

Attualità

Il cloro delle piscine potrebbe neutralizzare il coronavirus in 30 secondi

rds_community_login

Attualità

Dai ristoranti alle palestre: il calendario delle riaperture proposto dalle Regioni

rds_community_login

Attualità

Maxi sequestro di mascherine Ffp2 importate dalla Cina: ecco i modelli non a norma

rds_community_login

Attualità

Maggio sarà il mese delle riaperture: le prime ipotesi del governo

rds_community_login

Attualità

Lo sceicco Mohammed Al Habtoor è Mauro Romano? La mamma riconosce il figlio grazie a due cicatrici

rolling
×