icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Long-Covid: i disturbi più frequenti riscontrati nelle persone guarite

Uno studio cinese pubblicato dalla rivista The Lancet ha esaminato i sintomi più frequenti riscontrati nelle persone guarite da Covid-19 anche sei mesi dopo la fine della malattia

Sempre più casi di persone guarite dal Coronavirus riscontrano sintomi anche dopo mesi dalla fine della malattia. Per questo si è iniziato a usare il termine Long-Covid e uno studio cinese pubblicato dalla rivista The Lancet, riportato dal sito della Fondazione Veronesi, confermerebbe che questi casi sono tutt’altro che isolati.

Il team di ricercatori ha analizzato un campione di 1.700 pazienti che si sono ammalati a Wuhan tra gennaio e maggio. Hanno costatato che il 76% non si sentiva completamente ristabilito addirittura dopo sei mesi dal superamento dell’infezione.

"Avendo a che fare con una malattia nuova, stiamo iniziando a capire quali conseguenze possa determinare nel tempo” - ha spiegato Bin Cao, direttore dell'unità di pneumologia e terapia intensiva del China-Japan Friendship Hospital di Beijing - “Ora scopriamo che la maggior parte dei pazienti che hanno sviluppato la Covid-19 in maniera severa convive con le conseguenze dell'infezione anche molto tempo dopo aver lasciato l’ospedale".

I sintomi riscontrati con più frequenza sono la riduzione della capacità respiratoria, un calo della funzionalità renale, oltre a stanchezza e debolezza muscolare, disturbi del sonno, ansia e depressione.

Per questo sono necessari controlli continui: “Tutti i pazienti colpiti dalle forme più gravi di Covid-19, tra cui coloro che sono stati sottoposti all'ossigenoterapia o ricoverati in rianimazione, devono essere nel tempo sottoposti a controlli che riguardino tutti gli organi” - spiega Francesco Landi, responsabile del day-hospital post-Covid del policlinico Gemelli di Roma - “I danni permanenti a livello dei polmoni, degli occhi, del cuore e del fegato non sono così frequenti. Non bisogna però sottovalutare la persistenza della stanchezza, per individuare chi ha bisogno di un programma di riabilitazione e di supporto nutrizionale attraverso cui controllare la perdita di massa muscolare. Importante è anche la gestione dei disturbi della sfera psichica di questi pazienti, molti dei quali presentano un disturbo post-traumatico da stress".


Foto: LaPresse

Pubblicato 16.02.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

L’Italia cambia colore da domani: ecco le regioni più a rischio

rds_community_login

Attualità

Uno smart working spettacolare: a Cortina c'è l'ufficio ad alta quota

rds_community_login

Attualità

Il contagio attraverso le superfici è raro, è più importante utilizzare le mascherine

rds_community_login

Attualità

Zone rosse e vaccinazioni nelle caserme: la strategia del governo per evitare un nuovo lockdown

rds_community_login

Attualità

Marte: arriva la prima foto realizzata dalla sonda Hope degli Emirati Arabi Uniti

rds_community_login

Attualità

L’appello dei presidi per l’utilizzo della doppia mascherina nelle scuole

rolling
×