icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Il contagio attraverso le superfici è raro, è più importante utilizzare le mascherine

Diverse ricerche sostengono che è più importante usare correttamente le mascherine rispetto a sanificare con frequenza le superfici

Tra le tante persone che sono state contagiate dal Coronavirus in molti hanno affermato di aver seguito con assoluta scrupolosità le ormai note regole di prevenzione consigliate dal Ministero della Salute e di non capire come siano riusciti a contrarre il virus.

Una delle paure più frequenti è che il virus si trasmetta attraverso le superfici ma diversi studi hanno confermato che è molto raro che il contagio avvenga in questo modo. Il Corriere oggi ha citato due studi che lo sostengono. È stato dimostrato che le tracce del virus possono rimanere sugli oggetti per molti giorni ma la loro capacità di contagiare, seppur non venga esclusa del tutto, si riduce drasticamente.

Una ricerca pubblicata a luglio sulla rivista The Lancet Infectious Diseases spiega che le superfici presentano un rischio relativamente basso di trasmissione del virus, sostenendo che certi studi fatti in laboratorio ricreavano condizioni difficilmente ripetibili nel mondo reale. Anche la rivista Nature ha spiegato in un lungo editoriale che oggi si concentrano sforzi eccessivi sulla sanificazione delle superfici e meno sulla prevenzione del contagio per via aerea.

Si ribadisce quindi l’importanza dell’utilizzo delle mascherine, soprattutto all’interno dei luoghi chiusi dove la circolazione del virus è molto più pericolosa. È consigliato l’utilizzo di una doppia protezione: “Per bloccare le goccioline di grandi dimensione l’aderenza perfetta non serve ma le goccioline piccole invece sfuggono dai bordi" - spiega Giorgio Buonanno, professore ordinario di Fisica tecnica ambientale all’Università degli Studi di Cassino - “Può essere una buona idea provvedere alla capacità filtrante con una mascherina chirurgica o FFP2 e all’aderenza al volto con una mascherina di stoffa messa sopra . Se si riesce ad aggiungere un tessuto che in qualche modo fa aderire meglio le mascherine, si raggiunge una protezione che arriva anche al 90 per cento”.


Foto: LaPresse

Pubblicato 17.02.2021

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Attualità

L’Italia cambia colore da domani: ecco le regioni più a rischio

rds_community_login

Attualità

Uno smart working spettacolare: a Cortina c'è l'ufficio ad alta quota

rds_community_login

Attualità

Long-Covid: i disturbi più frequenti riscontrati nelle persone guarite

rds_community_login

Attualità

Zone rosse e vaccinazioni nelle caserme: la strategia del governo per evitare un nuovo lockdown

rds_community_login

Attualità

Marte: arriva la prima foto realizzata dalla sonda Hope degli Emirati Arabi Uniti

rds_community_login

Attualità

L’appello dei presidi per l’utilizzo della doppia mascherina nelle scuole

rolling
×