icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Le scuse del bambino e il prof che scrive: 'Il mio corso di Etica Pubblica partirà da qui

Il gesto di grande sensibilità e rispetto per il prossimo ci lascia sperare per un futuro migliore

C'è ancora qualche speranza per il futuro e arriva da un gesto importante fatto da un ragazzino di 11 anni che giocando con il pallone ha rotto una pianta. A raccontarlo su Twitter Giovanni Grandi, professore di filosofia morale all'Università degli Studi di Trieste.

La foto del bigliettino lasciato dal bambino è accompagnata da poche frasi: "Mi ferma un vicino e ci mostra (felice) questo biglietto, che ha trovato accanto a una sua pianta acciaccata. Lo ha lasciato un amico di nostro figlio (11 anni), con firma e banconota. Il mio prossimo corso di Etica Pubblica in Università non potrà che partire da qui."

Il gesto non è banale e, anzi, rivela grande sensibilità e rispetto per il prossimo, caratteristiche non più così comuni al giorno d'oggi. Tantissimi i commenti al tweet, molti sottolineano proprio il fatto che un gesto simile, arrivato da una bambino, ci lascia qualche speranza per il futuro, e in un anno come questo, ne abbiamo davvero bisogno.



Foto: Twitter

Pubblicato 19.06.2020

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Viral News

Dormirete nella giungla: ecco il miglior hotel del mondo secondo la rivista Travel+Leisure

rds_community_login

Viral News

Chi fa tanti sogni vive più a lungo: lo dice questo studio

rds_community_login

Viral News

WhatsApp, Facebook Messenger e Instagram, saranno presto in un unico servizio: ecco come

rds_community_login

Viral News

Bere tre coppe di champagne a settimana combatte l'invecchiamento cerebrale

rds_community_login

Viral News

Tutti pazzi per le scarpe della Lidl: su Ebay raggiungono cifre folli

rds_community_login

Viral News

Apple spiega che applicare coperture sulla videocamera danneggia i device: ecco il perché

rolling
×