icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Il Volo: lo sfogo sui social contro i giornalisti di Sanremo

Il trio canoro si è tolto qualche sassolino dalla scarpa

Il Sanremo del 2019 verrà ricordato come il festival dei colpi di scena, delle belle canzoni, ma anche delle tante polemiche. Dopo lo sfogo di Ultimo, ora anche il Volo ha voluto dire la sua sui propri canali social.

Il trio canoro composto da Piero BaroneGianluca GinobleIgnazio Boschetto non aveva ricevuto la migliore delle accoglienze da parte della Sala Stampa. Gli appellativi, in effetti, non sono stati dei più gentili: si va da un ironico “in galera” - in realtà era una citazione di Giorgio Bracardi nel famoso programma degli anni '70 "Alto Gradimento" - fino a termini davvero meno eleganti come “merde”.

Fatte calmare le acque, il Volo ha deciso di togliersi qualche sassolino dalla scarpa. Ecco cosa hanno scritto:

Abbiamo avuto bisogno di qualche giorno per essere lucidi e dire la nostra su quanto accaduto. 
Alcuni giornalisti (ed è bene dire solo alcuni) ci hanno pesantemente insultato. Hanno usato parole come “merde”, “vaffanculo”, “in galera”, che consideriamo come il frutto di una vera e propria forma di bullismo, di sfottò da stadio. Queste persone non hanno portato gloria all’ordine che rappresentano, il loro atteggiamento è stato un insulto, prima che a noi, a tutti i colleghi giornalisti che svolgono il proprio lavoro in maniera seria e professionale.
In 10 anni abbiamo ricevuto molte critiche sulla nostra musica, sul genere che cantiamo, siamo stati accusati di essere arroganti e spocchiosi.
Non abbiamo mai dato importanza a tutto ciò, anche perché, fortunatamente, abbiamo sostenitori che ci supportano quotidianamente e amano quello che facciamo. Ma quando vediamo dei video che testimoniano la cattiveria e la poca umanità da parte di persone che potrebbero essere nostri genitori (molti anche nostri nonni), ci dà molto fastidio. Fastidio perché ogni artista deve avere il proprio spazio di espressione musicale. Essere chiamati "merde" o vedere qualcuno che sbraita "in galera" solo perché stiamo facendo quello che ci piace fare nella vita è molto irrispettoso, nei nostri confronti ma sopratutto nei confronti della libertà di espressione. 
La musica dovrebbe essere libertà non motivo d'insulto!
Piero Barone, Ignazio Boschetto, Gianluca Ginoble de Il Volo.



Foto: Facebook

Pubblicato 12.02.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

TV

Pamela Prati gate: Netflix annuncia la serie "Mark" con tanto di trama e spin off

rds_community_login

TV

Ridge di "Beautiful" è in tour nei centri commerciali d'Italia con la sua band

rds_community_login

TV

La casa di carta 3: uscito un nuovo trailer

rds_community_login

TV

"All Together Now": l'esibizione di Luca è da standing ovation

rds_community_login

TV

'La vita dopo Game Of Thrones': l'ironico video realizzato da Le Coliche

rds_community_login

TV

Da Paolo Bonolis a Barbara d'Urso, ecco quanto guadagnano i conduttori Mediaset

rolling
×