icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Lucio Battisti: il 24 aprile del 1972 usciva 'I giardini di marzo'

"I giardini di marzo" di Lucio Battisti e Mogol, compie 49 anni: ed è più attuale che mai.

Compie quasi mezzo secolo una delle più grandi canzoni della musica italiana: si tratta de "I giardini di marzo", 15° singolo di Lucio Battisti, scritto da Mogol e pubblicato il 24 aprile del 1972. Un brano di Mogol, appunto, ma - soprattutto - un brano autobiografico incentrato sulla vita dopo la Seconda Guerra Mondiale e in cui vi sono temi che - oggi più che mai - sembrano attinenti con le vite di tutti noi. L'infanzia nel dopoguerra, ma anche la povertà e i problemi di natura famigliare. Una canzone che racconta una vita difficile ma vera, con brevi flashback fino a cambiare il tempo della narrazione, dal passato al presente.

Lucio Battisti: il 24 aprile del 1972 usciva "I giardini di marzo"



I giardini di marzo: il testo della canzone


Il carretto passava e quell'uomo gridava gelati
Al ventuno del mese i nostri soldi erano già finiti
Io pensavo a mia madre e rivedevo i suoi vestiti
Il piu' bello era nero coi fiori non ancora appassiti
All'uscita di scuola i ragazzi vendevano i libri
Io restavo a guardarli cercando il coraggio per imitarli
Poi, sconfitto, tornavo a giocar con la mente i suoi tarli
E alla sera al telefono tu mi chiedevi perché non parli (mm, mm)
Che anno è, che giorno è?
Questo è il tempo di vivere con te
Le mie mani come vedi non tremano più
E ho nell'anima
In fondo all'anima cieli immensi
E immenso amore
E poi ancora, ancora amore, amor per te
Fiumi azzurri e colline e praterie
Dove corrono dolcissime le mie malinconie
L'universo trova spazio dentro me
Ma il coraggio di vivere quello ancora non c'è
I giardini di marzo si vestono di nuovi colori
E le giovani donne in quei mesi vivono nuovi amori
Camminavi al mio fianco e ad un tratto dicesti "Tu muori"
"Se mi aiuti, son certa che io ne verrò fuori"
Ma non una parola chiarì i miei pensieri
Continuai a camminare lasciandoti attrice di ieri (mm)
Che anno è, che giorno è?
Questo è il tempo di vivere con te
Le mie mani come vedi non tremano più
E ho nell'anima
In fondo all'anima cieli immensi
E immenso amore
E poi ancora, ancora amore, amor per te
Fiumi azzurri e colline e praterie
Dove corrono dolcissime le mie malinconie
L'universo trova spazio dentro me
Ma il coraggio di vivere quello ancora non c'è

Pubblicato adesso

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Storia della musica

The Doors: compie 54 anni "Light My Fire"

rds_community_login

Storia della musica

Vasco Rossi: l'esaltante "Rewind" compie 22 anni!

rds_community_login

Storia della musica

I grandi della musica: Prince

rds_community_login

Storia della musica

"Fastlove": festeggia 25 anni l'energico brano dance-pop di George Michael

rds_community_login

Storia della musica

"Nothing Else Matters" dei Metallica compie 30 anni!

rds_community_login

Storia della musica

"If You Can't Say No" di Lenny Kravitz compie 23 anni

rolling
×