Green

Giornata Mondiale del Suolo: una fonte di vita da proteggere

Condividi condividi
Pubblicato il 03/12/2022
Di Team Digital
Giornata Mondiale del Suolo: una fonte di vita da proteggere


La Giornata Mondiale del Suolo è stata istituita dalla FAO nel 2014 con l’obiettivo di sensibilizzare persone, governi ed istituzioni sull’importanza del suolo, una risorsa di primaria importanza per gli ecosistemi e la vita racchiusa e dipendente da esso.


La perdita di fertilità del suolo è uno dei principali processi di degradazione che minaccia la nutrizione ed è riconosciuto come uno dei problemi più importanti a livello globale per la sicurezza alimentare e la sostenibilità in tutto il mondo.” Così spiega la FAO.


5 dicembre Giornata Mondiale del Suolo 2022


Ogni anno, il 5 dicembre, si celebra la Giornata Mondiale del Suolo e delle sue ricchezze. Bisogna sapere che in un solo pugno di terra ci sono più organismi viventi di quante persone vi sono sul nostro Pianeta; 8 miliardi tra batteri, lombrichi, nematodi e molte altre specie.


Il suolo è fonte di vita grazie ai suoi microrganismi e micronutrienti fondamentali per la crescita delle piante alimentari e non e della trasmissione di nutrienti in esse. La Global Soil Partnership della FAO stima infatti che sono oltre 2 miliardi le persone che soffrono specificamente di una carenza grave di micronutrienti. “Un suolo povero di nutrienti – ribadisce l’organizzazione delle Nazioni Unite per l’agricoltura – è incapace di produrre un cibo sano, con tutti gli ingredienti principali per la salute delle persone”.


Cambia la Terra“, il progetto di FederBio con Legambiente, Lipu, Medici per l’Ambiente, Slow Food e WWF, ha realizzato una campagna di informazione, “La Compagnia del Suolo”, che ha esaminato la quantità di pesticidi presenti nei campi, una delle cause dell’impoverimento dei suoli.


“L’agricoltura bio trae la sua forza e la sua ragion d’essere proprio dalla cura del suolo”, ha detto Maria Grazia Mammuccini, Presidente di FederBio. “Proprio perché si tratta di un’agricoltura che non usa sostanze chimiche di sintesi, favorisce la cura del suolo mantenendolo sano e vivo, per fornire alle piante gli elementi essenziali per la loro crescita, elementi che non possono essere sostituiti da apporti estranei all’ecosistema agricolo naturale.”


“In Italia un terzo dei suoli è in stato di degrado, e non si potrà continuare a fare affidamento solo sul continuo apporto di fertilizzanti chimici, prodotti con spreco di energia e sistemi altamente inquinanti, collegati a un mercato mondiale che negli ultimi anni ha mostrato tutta la sua fragilità”. Ha concluso Mammuccini.


Il suolo è alla base della vita delle piante così come della nostra, preferire il bio è il primo passo che tutti e tutte noi possiamo fare per proteggerlo e proteggerci.


Foto: Markus Spiske Unsplash


Condividi condividi
Eventi

Scopri tutti gli eventi

In riproduzione
IL TUO PROFILO
Canzone associata: ,
Music For You
#1 - Episodio 1
10 Giu 2020 - 12:57
-3:44
Condividi l’episodio
APRI