icona-menu MENU
icon-smartphone-2 icon-search-3 icon-user-2
SCOPRI LA COMMUNITY
Scarica subito l'app di RDS

logo-footer
Mostra la skin
Ecco quanto costa un figlio nel suo primo anno di vita e i consigli per risparmiare

I figli non hanno prezzo ma i costi della prima infanzia potrebbero cogliere impreparati i neo genitori

Diventare genitori è l'esperienza più travolgente che una possa capitare nella vita di una coppia. Mettere al mondo una piccola parte di sé, frutto di un grande amore, è senza ombra di dubbio una delle più grandi emozioni. Ma non sempre i neo genitori vengono "informati" su quanto costa effettivamente prendersi cura di un figlio, soprattutto durante il suo primo anno di vita. La novità potrebbe infatti portare a un dispendio maggiore di quello che sarebbe necessario. Pannolini, vestitini, culle, passeggino, in molti casi latte, sono una spesa dovuta ma che - se non controllata - potrebbe minare l'equilibrio economico della famiglia.

A spendere si inizia prima


Già durante la gravidanza, secondo i dati riportati da Federconsumatori, si possono superare i 2.000 euro: visite ginecologiche, ecografie, analisi del sangue, ma anche integratori e abiti premaman. Dopo il parto il budget delle uscite aumenta visibilmente. Il 1° anno di vita, sempre secondo l'Osservatorio Nazionale Federconsumatori, costa alla famiglia una cifra che va dai 7.123 ai 15.348 euro.

Riuscire a risparmiare è possibile


Per contenere i costi è necessario informarsi e verificare quali prestazioni sanitarie sono offerte gratuitamente dal Sistema Sanitario Nazionale. Questo vale sia per i 9 mesi sia dopo la nascita dove subentrano controlli e visite dal pediatra. Sempre più genitori, inoltre, decidono di consultare internet alla ricerca di articoli usati (il risparmio in questo caso oscillerebbe dal 25% fino al 50%) o per usufruire di articoli scambiati da altre famiglie in una sorta di baratto o donazione. Spesso, infatti, quando i piccoli crescono non hanno più bisogno di tante cose, come ad esempio del seggiolino o del box per giocare, così come tante coppie non vogliono tenere questi oggetti ingombranti ormai inutilizzati nelle proprie abitazioni. Nascono per questo motivo sempre più gruppi in rete (su Facebook in primis) con lo scopo di connettere neo genitori ad altre famiglie e venirsi incontro - anche economicamente - in questa splendida ma difficile avventura.


Foto: Pexels

Pubblicato 26.08.2019

Condividi su
share-facebook-small

Scopri anche

rds_community_login

Viral News

La Terra è a rischio asteroidi? La risposta dell'ESA

rds_community_login

Viral News

Infedeltà: ecco i segni zodiacali che tradiscono di più

rds_community_login

Viral News

Lui è Herbee ed è il riccio più felice del mondo

rds_community_login

Viral News

Il lavoro da sogno: essere pagato per bere birra e guardare la tv

rds_community_login

Viral News

Alieni a Torino? Un'impronta gigante appare nei campi di Virle

rds_community_login

Viral News

Tutte le novità del per gli appassionati di gaming al Tokyo Game Show 2019

rolling
×