Gonker il cane che ha commosso gli USA

Gonker il cane che ha commosso gli USA

La storia di Gonker è diventata un libro, perché è una storia d’amore e d’amicizia unica.

libro_gonker_rds

Il sig. Marshall decide di adottare Gonker nel 1991, in un momento difficile per lui. Aveva perso la sua bambina dopo un’operazione al cuore e la moglie se ne era andata senza spiegazioni. Gonker poteva essere un aiuto per lui, psicologico e pratico. Occuparsi di lui, portarlo fuori, dargli da mangiare lo avrebbe aiutato ad andare avanti.

Gonker è davvero quello che ci vuole per il sig. Marshall, è giocherellone e pieno di vita. Purtroppo al piccolo amico viene diagnosticato il morbo di Addison, un’insufficienza surrenalica cronica che può condurre al coma. L’unico modo per sopravvivere sono delle iniezioni mensili.

La vita dei due continua alla grande fino al 1998. Durante un’escursione sul sentiero degli Appalachi Gonker si allontana e non riesce più trovare la strada del ritorno. Marshall fa partire le ricerche immediatamente, teme che Gonker possa non resistere al freddo o possa essere scambiato per un altro animale dai cacciatori. Cosa più importante va trovato entro 20 giorni, si avvicina il momento dell’iniezione per lui.

Il caso raggiunge i media locali, vengono messi volantini, viene setacciata la zona, vengono chiamati tutti i rifugi e canili di zona. Il 25 ottobre 1998 arriva una telefonata: Gonker è stato visto nei pressi di una stazione sciistica. Il piccolo aveva percorso 178 km in 15 giorni per cercare di tornare a casa. Gonker ha accompagnato il suo compagno umano per altri 5 anni di amore e di amicizia, fino a spegnersi all’età di 11 anni. Marshall dopo la perdita di Gonker si è trasferito in Cile per vivere immerso nella natura, rifarsi una vita con moglie, due figli di 8 e 5 anni e ovviamente un altro cane.

Il libro che racconta la storia di Gonker è del cognato di Marshall, Pauls Toutonghi, dal titolo “DOG GONE – A Lost Pet’s Extraordinary Journey and the Family Who Brought Him Home”, pubblicatoa giugno di quest’anno.

vedi anche

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato