Abbracci si o no

abbracci si o no - rds loves pets

Abbracci strettissimi ai limiti del soffocamento, baci e carezze energiche sono solo alcune delle cose che imponiamo ai nostri amici a 4 zampe.
Convinti di dimostrare loro il nostro amore, li costringiamo a subire diversi tipi di torture più o meno tollerabili, fra cui le nostre dimostrazioni d’affetto tutte “umane”.

I cani tra di loro non si abbracciano, se non in caso di lotta, e questo è uno dei motivi per cui non amano essere abbracciati, anche se poi se lo lasciano fare non senza lanciare diversi segnali di disagio.
Basta cercare su Google “abbracciare il cane” e il web ci propone una sequela di immagini dolcissime per noi, un po’ meno per loro che mettono in mostra una serie di quelli che in cinofilia si chiamano “segnali calmanti”.

Orecchie tirate indietro, occhi socchiusi, teste girate dall’altra parte, lingue che leccano i tartufi e sbadigli a ripetizione. Tutti segnali ben noti agli studiosi del linguaggio canino che sconsigliano ovviamente di farlo.

E’ facile che un cane normo-comportamentale non reagisca ad un’imposizione simile e la tolleri, ma alcuni cani che hanno maggiore di difficoltà in relazione alle distanze sociali e alla manipolazione possono reagire anche male.

Volete coccolare in maniera piacevole il vostro pet? Le carezze lungo il collo, i grattini dietro le orecchie, le carezze lungo i fianchi sono decisamente apprezzati. Proviamo a modificare le nostre piccole abitudini, loro ne saranno molto felici.

vedi anche

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato