Migranti-volontari per l’integrazione, progetto pilota a Belluno


Codice da incorporare

Pubblicato il 07/02/2017

Roma – Rendersi utili. Un modo per farsi accettare dalla comunità. Succede a Belluno, un progetto pilota conforme all’idea del ministro dell’Interno Marco Minniti che vuole assegnare lavori socialmente utili ai richiedenti asilo. Proposta controversa perché si lavorerebbe gratis, da volontari. A Belluno però sembra funzionare.

Vengono principalmente dall’Africa Subsahariana, sono sopravvissuti a un lungo viaggio attraverso il Mediterraneo, quasi tutti vedono per la prima volta la neve e si ritrovano al freddo delle Dolomiti, ma questi ragazzi sono contenti di contribuire nel loro piccolo alla vita della cittadina veneta, chi come operatore ecologico, chi come aiuto cuoco. “Faccio il volontario, non vengo pagato – dice Paul, richiedente asilo della Costa D’Avorio – d’altronde stiamo a casa senza fare nulla, non abbiamo un lavoro, così abbiamo deciso tutti insieme di aiutare la città”.

Belluno, nella regione feudo della Lega Nord, con le sue politiche anti-immigrati, è un caso a se’, ha trasformato il concetto d’accoglienza. Al posto di tende o capannoni, i migranti vivono in appartamenti. L’idea è stata dargli autonomia per farli integrare meglio: devono pensare a se stessi, dal fare la spesa al cucinare.

Il sindaco di Belluno, ex del Pd, poi eletto con una lista civica, Jacopo Massaro: “Non mi sento un anti-Trump, semplicemente abbiamo ritenuto che di fronte a una difficoltà oggettiva che attraversa l’Europa ciascuno deve fare la sua piccola parte per risolvere un problema molto più grande di noi”.

Anche Nazrul è un volontario, è il suo primo giorno nel ristorante “Mirapiave” e lo chef Nicola Micheluzzi lo incoraggia. “Il coltello lo sa tenere in mano, e non è da poco, generalmente i ragazzi hanno già difficoltà a tagliare le verdure”.

Il proprietario Salvatore Naclerio: “Prendi un ragazzo che viene da fuori, ha voglia di lavorare e ha bisogno di lavorare, vuole imparare, ecco che dura di più e non scappa via”.

vedi anche

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato