Mia Photo Fair, il Premio BNL all’antropologia di Silva Camporesi


Codice da incorporare

Pubblicato il 28/04/2016

Milano – Una fotografia che racconta, attraverso uno sguardo che, come in ogni buona opera d’arte, è più grande della vita stessa, le storie segrete di chi è stato detenuto nel carcere di Pianosa. E’ questa l’opera di Silvia Camporesi, presentata da MLB Gallery di Ferrara, che ha vinto l’edizione 2016 del Premio BNL Gruppo Bnp Paribas nell’ambito di Mia Photo Fair a Milano.

Lo scrittore e direttore creativo di Domus Academy Gianluigi Ricuperati è uno dei giurati. “E’ stato deciso – ci ha detto – dopo una sofferta sessione di giuria, di sostenere il lavoro di Silvia Camporesi che, a mio parere, è un’antropologa narrativa che usa la fotografia per raccontare l’Italia come splendida rovina che insegna un rapporto strano con il passato sperando in un futuro possibile”.

Una decisione che, per quanto dibattuta, rispecchia a pieno l’idea di fondo della fiera, che vuole valorizzare quelle che sono opere d’arte, indipendentemente dalle distinzioni di tecniche e pratiche creative. E nel lavoro di Camporesi la gallerista Maria Livia Brunelli scorge, oltre alla narrazione in qualche modo diretta dell’opera, anche quella apertura di orizzonti che è il valore aggiunto dell’arte. “Se noi non avessimo avuto la sua mediazione della fotografia – ci ha spiegato – non sapremmo dell’esistenza di questi luoghi assolutamente meravigliosi e di una bellezza e di un fascino proprio perché nascosto ancora più suggestivo”.

E BNL, la banca che da cinque anni promuove il Premio, per bocca del direttore Relazioni Istituzionali Anna Boccaccio, ribadisce dopo questa nuova edizione, lo stretto legame tra impresa e cultura. “Noi come banca crediamo che la cultura sia il mezzo per rendere una società più evoluta, più ricca e anche più libera. Noi ci riteniamo un soggetto di questa società che contribuiamo a rendere più ricca attraverso il nostro lavoro di banca, ma vogliamo renderla anche più colta attraverso il sostegno a tutte le attività culturali. In particolare ci piace sostenere la creatività dei giovani, attraverso la valorizzazione di quanto questi fanno”.

E ora l’opera “Planasia #12” di Silvia Camporesi entra nella collezione artistica della banca.

vedi anche

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato