Elezioni Germania, a Peenemuende uno su due vota destra populista


Codice da incorporare

Pubblicato il 13/09/2017

Roma – Nella piccola città di Peenemuende, nell’estremo nord della Germania, un elettore su due ha votato per il partito populista di destra Alternative fuer Deutschland (Afd) alle elezioni regionali del 2016. A meno di due settimane dalle elezioni legislative tedesche, il partito guidato da Frauke Petry sta conducendo una campagna elettorale molto intensa e secondo gli ultimi sondaggi si attesta attorno al 10% dei consensi, ma in questo Land, il Meclemburgo Pomerania Anteriore raggiunge il 20%.

Peenemuende, un villaggio di 250 anime che si affaccia sul Mar Baltico, ogni anno accoglie migliaia di turisti d’estate, ma i rimanenti mesi la situazione resta finanziariamente difficile.

Frank Neumann gestisce una piccola azienda di gite in battello e ha già deciso: voterà Afd. “Ho 30 anni. Sono cresciuto qui guardando i miei compagni di scuola arrabbiarsi perché non c’è lavoro, nessun aiuto per i giovani e per le famiglie. I partiti politici tradizionali non ci sostengono, non fanno niente”.

E’ proprio su questo ritornello che si basa la campagna elettorale del candidato regionale dell’Afd alle legislative Leif-Erik Holm. Il suo messaggio è molto critico nei confronti della cancelliera, che con Holm condivide a Greifswald la sua circoscrizione elettorale, in particolare contro la sua politica di accoglienza dei migranti, un concetto che passa molto bene nell’ex Germania est, economicamente ancora al traino.

Leif Erik Holm, ex conduttore radiofonico, dice: “Vediamo bene le immagini televisive di Berlino/Neukoelnn o di Duisburg/Marksloh o Amburgo/Wilhelmsburg. Laggiù, troviamo sempre più delle comunità parallele, che qui non vogliamo avere. Ma ora constatiamo che si stanno sviluppando anche qui. Le immagini delle città mutano, anche qui vediamo sempre più spesso dei veli o delle risse”.

Su Peenemuende pesa già un passato molto pesante. E’ in questa vecchia fabbrica, oggi un museo, che gli ingegneri nazisti svilupparono i missili V2, i primi missili cruise mai creati al mondo.

Grazie a una campagna molto attiva nell’ex Ddr, i populisti di destra potranno entrare al Bundestag il prossimo 24 settembre.

vedi anche

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato