Bendessere e Natura: un manuale per la vita di tutti i giorni


Codice da incorporare

Pubblicato il 23/11/2016

Milano – Una ricerca di armonia tra corpo e mente, per migliorare, grazie anche alla nutracetica, la qualità della vita. Questa la nuova declinazione della disciplina del bendessere, figlia dello psichiatra Vittorino Andreoli, cui la psicologa clinica Giada Caudullo ha dedicato il libro “Bendessere e Natura”, che esce per i tipi di Marsilio.

“Oggi – ha spiegato il professor Andreoli – presentano un libro che a me sembra molto interessante, perché fa vedere quali sono le possibilità di inserirsi nel corpo, ma in un modo che non è finalizzato agli organi, ma al corpo tutto intero, all’Essere, e dal corpo c’è una circolarità, che passa i suoi effetti sulla mente, e dalla mente naturalmente alle relazioni sociali. E quindi, ecco, riportiamo in campo l’uomo, tutto intero”.

La stessa volontà di unificazione che la dottoressa Caudullo mette tra le caratteristiche principali del proprio libro. “Bendessere e Natura – ci ha spiegato – è un manuale operativo che spiega come promuovere il bendessere, che va promosso attraverso l’analisi dei desideri, perché i desideri sono importantissimi a ogni età e sono i veri promotori del bendessere. Un desiderio va immaginato e svelato, quindi prima di tutto un’attenzione sia dall’infanzia, sia attraverso l’affascinante viaggio dell’adolescenza, fino all’età adulta e per arrivare poi all’età della saggezza, il bendessere può essere promosso con queste strategie comportamentali, ma anche con elementi provenienti dalla natura che possono essere strumenti di supporto al soma, al corpo”.

Strumenti di supporto che, nello specifico, sono quelli di Solgar Italia Multinutrient, azienda che supporta il progetto del libro, rappresentata dalla presidente Anna Giuliani, che ha sottolineato l’importanza di promuovere la gioia. “Se poi possiamo parlare di argomenti così importanti di tipo psicologico che attengono alla gioia – ha detto la manager – l’imprenditoria, pur in un momento così di stasi e di criticità, assume una veste di operatività che si illumina e che risulta essere efficace per comunicazioni in senso morale e positivo”.

vedi anche

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato