GIOCA E VINCI

Super_vacanze_di_natale_944x616_bis


Per partecipare a questo gioco



Gioca e Vinci con RDS

Non perdere l’occasione di vincere e partecipare all’anteprima del film “Super Vacanze di Natale” il 12 dicembre alle ore 20.30, partecipare alla festa e aggiudicarsi anche la visita a Cinecittà Studios!

Dal 6 al 10 dicembre gioca direttamente qui sul nostro sito.

Ti ricordiamo che si potrà giocare solo tramite iscrizione a RDS PLAY SOCIAL!

Super Vacanze di Natale

Regia di Paolo Ruffini
Sono trascorsi trentacinque anni da quando gli italiani si sono recati in sala per la prima volta per vedere un film che avrebbe segnato l’inizio di un’epoca fatta di risate e successi: Vacanze di Natale. Da allora, il Natale è sempre stato all’insegna della commedia di casa Filmauro. Trentacinque anni di successi con numeri da capogiro.

Il film

In Super Vacanze di Natale sono contenute le sequenze più memorabili, gli sketch più divertenti, le gag più esilaranti delle pellicole natalizie che Filmauro ha prodotto negli ultimi 35 anni. Già dai titoli di testa si evince un dato importante: siamo di fronte a temi, personaggi e attori mitici. Il culto è proprio questo: qualcosa che è entrato nell’immaginario collettivo. Battute come “Ormai questo Natale ce lo siamo levati dalle palle” o “Non sono bello, piaccio!” sono entrate di diritto nel nostro lessico quotidiano. Il film apre con un milanese e un romano che sfrecciano tra le Dolomiti a bordo di una Ferrari scintillante. Il primo grande conflitto della storia (la storia del film, ma forse anche la storia del nostro Paese…) mette in evidenza già i fili conduttori della narrazione. Da questo incontro/scontro nascono subito gag esilaranti e scene assurde che vengono mixate con sequenze simili inserite in pellicole di altri anni. La narrazione procede evidenziando poi i grandi argomenti storici della commedia: la scurrilità, l’affiliazione emotiva con gli animali, l’esibizione delle grazie femminili, la cafoneria della borghesia che sorpassa spesso la volgarità dell’ignorante; il proletario arricchito che ostenta il denaro con sfacciataggine e tracotanza; la classe dirigente che non perde occasione per mettere corna alla moglie e per rivelare tutta la propria fragilità; la cialtroneria degli italiani in vacanza; lo sfottò nei confronti delle mode che hanno contraddistinto il nostro costume: le paparazzate, le tifoserie fanatiche, la mania dei bodyguard fra i vip; il cinquantenne che si accompagna con una ragazza che potrebbe essere la figlia; la malcelata omosessualità di certi radical chic. L’obiettivo è far ridere, e stavolta si può davvero dire: ridere come non mai. Perché si ride, non solo ‘col meglio di’, ma anche con i migliori, dato che i più grandi attori della commedia italiana hanno partecipato a questo che è il filone che ha vinto il Guinness World Record come saga cinematografica comica più longeva del mondo.

PRIVACY

COMMENTI

    Nessun commento ancora pubblicato